Italia Markets closed

La vita a rate, cosa succede se finisci tra i cattivi pagatori

Ogni soggetto interessato può verificare la propria situazione, anche al fine di richiedere una correzione in caso di errore (Getty)

Non pagare due rate del mutuo può costare una segnalazione come cattivo pagatore. Chi finisce nella black list dei sistemi di informazioni creditizie (Sic), va incontro ad una sfilza di problemi. Tanto per cominciare avrà difficoltà a farsi concedere un finanziamento e anche comprare una lavatrice a rate rischia di diventare un’impresa (quasi) impossibile.

Cos’è il sistema di informazioni creditizie

I sistemi di informazioni creditizie, come il Crif, sono delle enormi banche dati in cui sono raccolte tutte le informazioni raccolte dagli istituti di credito. Si tratta di registri elettronici in cui sono custoditi tutti i pagamenti, sia quelli di chi è in regola che quelli di chi è rimasto indietro di alcune rate.

I casi critici

Per i casi particolarmente critici, quelli che possono risultare una minaccia per le banche che rischiano di concedere un prestito a chi non ha onorato altri debiti in passato, le segnalazioni vengono trasmesse anche alla Centrale rischi della Banca d’Italia.

Come si diventa un cattivo pagatore

Prima di accedere ad un prestito, si intende anche il classico finanziamento a rate per compare un telefonino nuovo o per cambiare la cucina, gli istituti di credito fanno un controllo. Il Crif permette di valutare il livello di indebitamento e il passato creditizio di tutti i clienti che presentano una richiesta di finanziamento. Non aver pagato due rate, in passato, di un finanziamento crea l’iscrizione al Crif, non prima che l’istituto di credito abbia inviato una comunicazione di sollecito al cliente non in regola con i pagamenti.

La durata

Finire nel registro dei cattivi pagatori non è per sempre. L’iscrizione ha una durata compresa tra i 6 mesi e i 36 mesi. La cancellazione avviene in modo automatico.

Verificare la propria situazione

Ogni soggetto interessato può verificare la propria situazione, anche al fine di richiedere una correzione in caso di errore. Per fare una visura al Crif occorre compilare un modulo online e inviare tutti i documenti identificativi del richiedente. Il servizio ha un costo compreso tra i 4 e i 10 euro.

Leggi anche:

Lo Stato deve ancora restituire 57 miliardi alle imprese

Milionari per caso: come investire le vincite

Dai libretti ai depositi legati alle polizze. Ecco come risparmiare per i figli