Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,36
    -0,14 (-0,21%)
     
  • BTC-EUR

    47.470,39
    -3.220,16 (-6,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.785,20
    +22,50 (+1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1313
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8545
    +0,0051 (+0,60%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Maltempo Catania, "l'acqua al finestrino e io in auto con la mia bimba"

·2 minuto per la lettura

"Tanto, tanto spavento. Io ero in auto con mia figlia di un anno e mezzo malata e mio padre, che è pensionato. Per fortuna, siamo riusciti a superare quel fiume di acqua e arrivare a casa sani e salvi". E' ancora scossa Francesca Marchese, una giornalista freelance di origini siciliane che da 8 anni lavora a Londra e che in questi giorni è in vacanza in Sicilia. Una disavventura accaduta proprio a poca distanza del luogo on cui è morto l'uomo di 53 anni travolto dall'acqua, nei pressi di Gravina di Catania. "Ieri mattina ci siamo avventurati in macchina, da Valverde a Gravina di Catania, con mio padre e mia figlia solo perché la bambina aveva la febbre e stava molto male - racconta la giornalista all'Adnkronos - Dopo essere partita e ho visto la pioggia mi sono pentita, non avrei mai immaginato di incontrare quel fiume di acqua".

Ma cosa è accaduto ieri mattina? "Viste le condizioni di salute della mia bambina di 21 mesi - racconta Francesca, che collabora anche con la BBC - ho deciso di andare dal medico da Valverde, il paese dove sono in vacanza, a Gravina di Catania, dove si trova il medico. All'andata abbiamo usato l'autostrada, perché è più facile, e pioveva poco i quel momento. Ma mentre eravamo dal medico la pioggia è aumentata moltissimo, e quando siamo usciti dovevamo decidere se aspettare che la pioggia finisse o tornare a casa. Ma siccome sapevamo che la pioggia sarebbe durata ancora parecchie ore, abbiamo deciso di tornare a Valverde, ma stavolta prendendo dalla Statale e non dall'autostrada. Ma lungo la strada abbiamo dovuto cambiare tragitto più volte, c'erano diversi avvallamenti, abbiamo dovuti fare retromarcia diverse volte. E dopo oltre mezz'ora di gimkana tra le strade etnee abbiamo cercato il percorso migliore".

Ma a San Giovanni La Punta, ecco che Francesca Marchese, con la bimba e il padre, si è trovata con l'acqua "che saliva fino al finestrino". "Ci siamo resi conto che dovevamo fare marcia indietro velocemente e fare un'altra strada perché, nonostante le nostre attenzioni, ci siamo trovati in una situazione difficile con una bambina in macchina - racconta la giornalista - In un punto c'era più di un metro di acqua". "Ci sono stati momenti di grande paura, andavamo pianissimo ma i tergicristalli non riuscivano a levare l'acqua e c'erano altre macchine in quelle condizioni critiche". Poi ribadisce che è uscita solo perché "c'era un'emergenza - dice - perché mia figlia stava molto male e dovevo farla visitare da un medico. Altrimenti non sarei uscita". "Domani è prevista un'altra ondata di maltempo e io, a meno che non ci sia un'emergenza da codice rosso, non uscirò". Francesca h raccontato la sua esperienza anche alla BBC per cui collabora. "Sono stati momenti davvero difficili...", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli