Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.091,04
    -109,87 (-0,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Lagarde: "Alzeremo tassi finché inflazione vicina a target"

(Adnkronos) - "Prevediamo di aumentare ancora i tassi, e il ritiro dell'accomodamento potrebbe non essere sufficiente. In definitiva, alzeremo i tassi a livelli tali da riportare l'inflazione al nostro obiettivo di medio termine in modo tempestivo". Così la presidente della Bce Christine Lagarde in un intervento a Francoforte. "La portata e la velocità del nostro intervento dipenderanno dalle prospettive dell'inflazione", aggiunge.

Il rialzo dei costi energetici "è uno dei motivi principali per cui, insieme all'aumento dei prezzi dell'energia, l'inflazione è tornata così forte", ha sottolineato. Gli shock innescati dalla pandemia e dalla guerra, con il rialzo dei prezzi dell’energia "stanno creando quella che ho definito una ‘nuova mappa globale’ delle relazioni economiche", spiega, caratterizzata da due elementi chiave: l'efficienza e la sicurezza nelle catene di approvvigionamento globali e la dipendenza e la diversificazione dei mercati energetici.

Nell’attuale contesto internazionale caratterizzato dal rialzo dei prezzi energetici tre elementi risultano "cruciali: garantire la stabilità dei prezzi man mano che i diversi shock si manifestano, eliminare i vincoli alla crescita nelle aree in cui sono emersi e salvaguardare un settore finanziario resiliente in grado di sostenere le transizioni che dovremo affrontare", ha sottolineato.

"I tassi d'interesse sono e rimarranno lo strumento principale per regolare la nostra posizione politica - ha affermato quindi - Ma dobbiamo anche normalizzare gli altri strumenti di politica monetaria, rafforzando così l'impulso della nostra politica dei tassi". "Per questo motivo abbiamo recentemente deciso di modificare i termini e le condizioni delle nostre operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (Tltro-III)", ha aggiunto.