Italia markets close in 3 hours 36 minutes
  • FTSE MIB

    22.053,17
    +351,38 (+1,62%)
     
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • Petrolio

    43,65
    +0,59 (+1,37%)
     
  • BTC-EUR

    16.133,34
    +552,21 (+3,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    376,30
    +14,87 (+4,11%)
     
  • Oro

    1.807,30
    -30,50 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1867
    +0,0021 (+0,18%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.499,81
    +36,77 (+1,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8906
    +0,0021 (+0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,0836
    +0,0036 (+0,34%)
     
  • EUR/CAD

    1,5495
    +0,0009 (+0,06%)
     

Lagarde: stimoli Bce scoraggeranno i licenziamenti di massa

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 19 nov. (askanews) - La Bce garantirà "condizioni finanziarie favorevoli" nell'area euro contro la crisi pandemica "tutto il tempo che sarà necessario a sostenere le spese delle famiglie, mantenere l'afflusso di credito e scoraggiare licenziamenti di massa". Lo ha assicurato la presidente Christine Lagarde, che per la prima volta, durante una audizione al Parlamento europeo, ha prefigurato un collegamento dello stimolo monetario così esplicito e diretto al mercato del lavoro nell'area valutaria. Lagarde ha ribadito che quando si pensa a condizioni finanziarie favorevoli "quello che conta non è solo il livello" di queste condizioni, "ma anche la durata del supporto". Alla riunione di ottobre il Consiglio direttivo ha anticipato che alla dicembre rimetterà mano alle sue misure, anche in base alle nuove previsioni economiche. Lagarde ha anche ribadito che posto che "tutte le opzioni sono sul tavolo, tuttavia, così come nella prima ondata due misure chiave si sono rivelate particolarmente "efficaci" - il piano di acquisti di titoli anticrisi Pepp e i rifinanziamenti ultra agevolati alle banche Tltro - è probababile che sempre questi due strumenti "restino i principali per aggiustare la nostra politica monetaria".