Italia markets close in 3 hours 22 minutes
  • FTSE MIB

    19.160,98
    +75,03 (+0,39%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,35
    +0,32 (+0,80%)
     
  • BTC-EUR

    10.946,17
    +1.616,77 (+17,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,01
    +16,12 (+6,58%)
     
  • Oro

    1.916,80
    -12,70 (-0,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1830
    -0,0037 (-0,31%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.183,84
    +3,14 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,9027
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0724
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5561
    -0,0020 (-0,13%)
     

##Lagarde stronca qualunque ipotesi di condono dei debiti pubblici

Voz
·3 minuti per la lettura

Roma, 21 set. (askanews) - Drastica chiusura, come era prevedibile, dalla presidente della Bce Christine Lagarde a qualunque ipotesi di "condono" di quote di debiti pubblici di Paesi dell'area euro, che l'istituzione ha massicciamente accumulato con i suoi vari programmi di acquisti di titoli di Stato. "Chiedere alla Bce di cancellare debito pubblico sarebbe come chiederle di violare i Trattati europei e penso che un punto su cui bisogna martellare, nel rispondere a richieste simili, è che i debiti vanno ripagati". Così la presidente ha riposto, durante una audizione per teleconferenza, congiunta con le Camere dei deputati di Francia e Germania, ai quesiti su questo tema. Altra questione, però, è quella dei tempi in cui la Bce manterrà nel suo bilancio i suddetti titoli. Perché con la crisi pandemica questo "congelamento" monetario si è ulteriormente dilatato. "E' chiaro che oggi interveniamo su tutta la curva dei tassi e compriamo anche obbligazioni che maturano a 30 anni", ha rilevato Lagarde. E in più occasioni, in precedenza, la Bce ha assicurato che terrà a scadenza i titoli pubblici rilevati. Più in generale, sempre sul tema debiti pubblici, la presidente della Bce ha sottolineato come siamo un pò come il colesterolo: "ci sono quelli buoni e quelli cattivi. Quelli buoni - ha detto - sono quelli che poi vengono usati per investire, sulla transizione digitale, sulla sostenibilità ambientale, sul miglioramento della produttività: sono buoni debiti. Quindi penso che per le autorità di Bilancio debbano essere molto attente a l'impiego che viene fatto del surplus di debito che viene contratto in questa crisi". Considerazioni fatte nel corso della sessione domande e risposte rapide, con tempi strettamente contingentati dai due presidenti delle camere, tra cui l'arcifalco tedesco Wolfgand Schaeuble, in stile question time. Meno felici, forse, nel tempismo, alcune delle considerazioni inserite nel messaggio introduttivo di Lagarde. "I mercati si sono stabilizzati", ha detto, proprio il giorno di nuovi crolli a catena delle Borse europee, tra cui la tedesca Francoforte maglia nera Ue con un meno 4,37% (Parigi ha chiuso al meno 3,74%). Lagarde ha però ribadito come "l'incertezza del contesto attuale" richieda "una valutazione molto attenta delle nuove informazioni, incluso il tasso dei cambi, e delle loro implicazioni per l'inflazione nel medio termine". E proprio su questo versante va segnalato che oggi l'euro ha segnato nuovi ribassi, con il dollaro sostenuto da acquisti speculari ai crolli delle Borse, portandosi a 1,1731 dollari in serata sui minimi da oltre un mese. "Il Consiglio direttivo della Bce - ha detto ancora la presidente, richiamandosi alle comunicazioni dopo l'ultima riunione - resta pronto a aggiustare l'insieme dei suoi strumenti, in maniera adeguata" per garantire il raggiungimento dei suoi obiettivi. Intanto, secondo il Financial Times, la Bce avrebbe avviato una revisione dell'attuale piano di acquisti di titoli anticrisi pandemica, il Pepp, allo scopo di valutare quanto a lungo dovrà proseguire e se parte di questo nuovo strumento, tra cui la sua accentuata flessibiltà, debba essere trasferito ai "normali" programmi di acquisti di titoli (come l'App). Il tema dovrebbe essere discusso dal Consiglio direttivo il mese prossimo. Oggi Lagarde si è limitata a ribadire la natura eccezionale del Pepp. Mentre ha ripetuto che nella revisione della strategia di fondo della Bce lei è favorevole alla presa in carico di temi e obiettivi climatici da parte della politica monetaria (e ha ammesso che altri non la pensano così). La prossima riunione "operativa" del Consiglio direttivo, ossia con possibili decisioni sulle misure Bce, si svolgerà il 29 ottobre, ma già dopodomani, il 23, i banchieri centrali dell'area euro si riuniranno per un Consiglio non monetario.