Italia markets open in 1 hour 15 minutes
  • Dow Jones

    33.730,89
    +53,62 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.857,84
    -138,26 (-0,99%)
     
  • Nikkei 225

    29.618,18
    -2,81 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,1979
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    52.645,11
    -1.153,14 (-2,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.375,15
    -0,63 (-0,05%)
     
  • HANG SENG

    28.609,94
    -290,89 (-1,01%)
     
  • S&P 500

    4.124,66
    -16,93 (-0,41%)
     

Lamberto Giannini capo polizia: chi è, curriculum e storia

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

E' il prefetto Lamberto Giannini il nuovo capo della Polizia. Un curriculum, il suo, che racconta una storia di oltre 25 anni al servizio dell'antiterrorismo. Ma chi è il nuovo direttore generale della Pubblica Sicurezza?

Nato a Roma il 29 gennaio del 1964, dopo la laurea in Giurisprudenza all’Università 'La Sapienza' di Roma, è entrato nei ruoli della polizia di Stato nel 1989 frequentando il 74° corso per vice-commissari presso l'Istituto Superiore di Polizia.

Per oltre 25 anni ha operato come investigatore nel mondo dell’antiterrorismo, guidando, in ordine di tempo, la Digos della Questura di Roma, il Servizio Centrale Antiterrorismo e la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, della quale è stato direttore dal 1 ottobre 2016 al 23 dicembre 2020.

Dal 2 gennaio 2021 ricopriva l’incarico di capo della Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Come Capo della Polizia succede al Prefetto Franco Gabrielli con il quale ha lavorato, per molti anni, spalla a spalla durante importanti indagini contro il terrorismo interno ed internazionale.

Tra le più importanti operazioni portate a termine dal prefetto Giannini si ricordano: gli arresti dei terroristi appartenenti al gruppo della Nuove Brigate Rosse e che, tra la fine degli anni '90 e gli inizi del 2000, con gli omicidi del prof. D' Antona, del prof. Marco Biagi e del poliziotto Emanuele Petri, avevano ripreso la lotta armata in Italia riportando alla mente i sanguinari anni di piombo; lo smantellamento di una cellula neo-brigatista che aveva posto in essere un grave attentato dinamitardo contro militari italiani ed aveva in animo di effettuare un attacco contro il vertice G8 in programma alla Maddalena; l'arresto nel 2005 a Roma di uno dei terroristi che, nel luglio di quell'anno, aveva tentato di farsi esplodere, insieme ad altri complici, nella metropolitana di Londra.