Italia markets open in 6 hours 19 minutes
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.383,11
    +59,77 (+0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1766
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    40.524,52
    -517,54 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.222,55
    -10,74 (-0,87%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     

L'annuncio del Ministro Cingolani dopo il trovato accordo al G20

·2 minuto per la lettura
G20 Ambiente Napoli accordo
G20 Ambiente Napoli accordo

A seguito di “un negoziato molto lungo e intenso” al G20 sull’Ambiente di Napoli è stato trovato l’accordo. Le basi per il testo unico e condiviso ora ci sono. Tuttavia mancherebbero all’appello ancora due punti particolarmente “ostici” che – fa sapere il Ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani – sono stati rimandati al G20 dei capi di Stato e di Governo. In linea di massima c’è stata molta soddisfazione, ha precisato il Ministro pur avendo auspicato una maggiore ambizione da parte dei Paesi.

G20 Ambiente Napoli accordo, “Negoziato lungo e intenso”

Giornata particolarmente ostica e impegnativa quella che è stata affrontata al G20 sull’Ambiente che si è tenuto a Napoli. Molti i dettagli che sono stati rivisti a seguito degli incontri tra l’inviato sul clima statunitense John Kerry, il Ministro per la transizione ecologica Cingolani e i delegati delle varie nazioni. Se su molti dettagli si è trovato un accordo condiviso, in altri temi “controversi” come la decarbonizzazione c’è stata una minore apertura soprattutto da parte di Paesi come Cina o India. “Sarei stato più ambizioso”, ha dichiarato a tal proposito Cingolani.

G20 Ambiente Napoli accordo, Cingolani: “Possiamo essere contenti e soddisfatti”

Penso che possiamo essere assolutamente contenti e soddisfatti, non avevamo tutto questo ottimismo, sembravano esserci barriere più alte”, così il Ministro Cingolani che ha commentato positivamente il raggiungimento dell’accordo sul tema energia e clima al G20, pur essendoci alcuni punti particolarmente caldi che dovrebbero essere rivisti:

Usa, Europa, Giappone e Canada sono favorevoli, ma quattro o cinque Paesi, fra i quali Cina, India e Russia, hanno detto che non se la sentono di dare questa accelerazione, anche se vogliono rimanere nei limiti dell’Accordo di Parigi”, ha spiegato il Ministro per la transizione ecologica.

G20 Ambiente Napoli accordo, “Due punti rinviati ai capi di stato e di Governo”

Il Ministro Cingolani ha proseguito illustrando nel dettaglio quali sono state state le principali cricità che hanno impedito di raggiungere un accordo pieno: “Su due punti non abbiamo trovato l’accordo e li abbiamo rinviati al G20 dei capi di Stato e di governo: rimanere sotto 1,5 gradi di riscaldamento globale al 2030 ed eliminare il carbone dalla produzione energetica al 2025”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli