Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.579,34
    -331,03 (-1,11%)
     
  • Nasdaq

    12.194,12
    -11,72 (-0,10%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1939
    -0,0031 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    16.262,19
    +932,27 (+6,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    381,22
    +16,62 (+4,56%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.617,35
    -21,00 (-0,58%)
     

L'appello del medico per sensibilizzare sul tema dei bambini positivi

·2 minuto per la lettura
covid pediatra Santobono bambini
covid pediatra Santobono bambini

Da diverse settimane sono molti i pediatri che stanno potendo l’attenzione sul netto aumento dei casi covid anche tra i bambini, spesso molto piccolo. Lo aveva fatto la dottoressa Da Dalt, nei giorni scorsi, e ora anche Vincenzo Tipo, pediatra del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santobono – Pausilipon, segue quanto già detto dalla collega: “Sono in aumento i casi di Covid-19 tra i bambini, dai neonati fino a 15 anni. La metà dei bimbi positivi va da zero a 3 mesi. Al Pronto Soccorso dell’ospedale Santobono ne arrivano 4-5 al giorno”.

Covid, il pediatra del Santobono sui bambini

Il medico affida il suo appello ad un lungo post su Facebook in cui scrive: “Stiamo riscontrando, confermato anche dalle notizie ufficialmente trasmesse dalla Unità di Crisi, un incremento dei contagi tra i bambini da 0 a 15 anni. Solo al PS del Santobono ne registriamo 4-5 al giorno in buona parte con sintomi non particolarmente preoccupanti”. “I sintomi – aggiunge – per la fascia d’età da zero a 3 mesi sono: febbre, inappetenza, irritabilità, diarrea, tosse e lievi difficoltà respiratorie”. Poi una stranezza riscontrata dal pediatra, e ciò che molto spesso le mamme dei bimbi nella fascia 0-3 mesi risultano negative, e dunque non sono loro la fonte del contagio dei piccoli.

È naturale pensare che il contagio per i piccoli arrivi dall’esterno. Su questo Tipo avanza una sua ipotesi: “Secondo noi il fenomeno è da ricercare nella cattiva abitudine di frequentare spesso ed insistentemente una casa dove c’è un neonato o un lattantino, di sbaciucchiarlo continuamente, di passarselo di braccia in braccia e di fare tutte quelle moine a noi tutti fin troppo note. Questo non è più possibile”.

Tuteliamo i bambini

Il pediatra del Santobono si sofferma poi sull’importanza di proteggere i bambini dalle malattie, e naturalmente anche dal covid. “Sono organismi fragili e suscettibili pertanto vanno tutelati, protetti e non esposti a un potenziale pericolo. Ci permettiamo, pertanto, di consigliare queste semplici regole di comportamento quando in casa c’è un neonato o un bimbo di pochi mesi: limitare, se non evitare, visite di parenti, amici, conoscenti e vari; vietare a tutti ( compreso padre e fratelli) di stare vicino al bimbo senza indossare una mascherina ; non lasciare baciare il bimbo; manipolare il bambino solo dopo aver lavato le mani ed usato un gel idroalcolico; tenerlo, per quanto possibile, in un ambiente tranquillo e poco frequentato; arieggiare spesso l’ambiente di soggiorno”. Regole dure a cui soprattutto gli italiani non sono abituati, ma che segnano inevitabilmente i tempi e la necessità di preservare la salute dei più piccoli.