Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.925,02
    -20,56 (-0,06%)
     
  • Nasdaq

    14.288,36
    +35,09 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1939
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    27.957,34
    +575,78 (+2,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    801,09
    -9,10 (-1,12%)
     
  • HANG SENG

    28.817,07
    +507,31 (+1,79%)
     
  • S&P 500

    4.250,29
    +3,85 (+0,09%)
     

L'assalto agli studi medici per farsi vaccinare col siero AstraZeneca

·2 minuto per la lettura

AGI - Un vero e proprio "assalto" agli studi medici per farsi vaccinare con AstraZeneca: è quanto accade in Germania, da quando ad inizio del mese su decisione del governo federale e dei Laender è caduta la regola della priorità per fasce di età e categorie professionali. Lo riferisce l'associazione dei farmacisti: "Il vaccino anglo-svedese ora è talmente richiesto che rischiano di non bastare più le quantità ordinate", ha detto al quotidiano Rheinische Post il presidente dell'associazione, Thomas Preis.

"Molti medici sono irritati, perché obbligati a stornare appuntamenti di vaccinazioni già fissati da tempo". Come spiega lo Spiegel, "per molto tempo AstraZeneca è stata nel mirino a causa dei rari effetti collaterali, ora a malapena i medici si salvano dalle richieste".

Secondo il settimanale, l'improvvisa popolarità del siero inglese dipende anche dal fatto che la somministrazione della seconda dose può essere accorciata fino a quattro settimane, e questo "ha reso questo vaccino particolarmente attraente per i più giovani, che vogliono prepararsi con una vaccinazione completa agli allentamenti e alle riaperture", come afferma ancora Preis.

Nonostante la raccomandazione della Commissione permanente per la vaccinazione (Stiko) di vaccinare con AstraZeneca gli over-60, in seguito a rarissimi casi di trombosi soprattutto nelle donne, con la caduta delle priorità in Germania tutti gli adulti possono farsi somministrare il siero anglo-svedese con un consulto medico.

Il governo e i Laender avevano sospeso la regola delle priorità a partire da inizio maggio per AstraZeneca, anche per affrontare possibili strette di fornitura di altri vaccini ed allargare sempre di più e sempre più rapidamente la platea degli immunizzati contro il Covid.

Intanto sono quattro i Laender che hanno dato il via alla "liberalizzazione" completa delle vaccinazioni: dopo la Baviera, il Brandeburgo ed il Baden Wuerttemberg, presto anche a Berlino tutti coloro che vogliano farsi immunizzare contro il coronavirus potranno accedere liberamente al vaccino, a prescindere dalle fasce d'età, le categorie professionali o eventuali patologie pregresse.

Attualmente, il 34,32% della popolazione tedesca ha ricevuto almeno una somministrazione (pari a oltre 28 milioni di persone), mentre è del 10% (pari a 8,3 milioni di individui) la quota di coloro che hanno avuto anche la seconda dose.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli