Italia Markets close in 42 mins

L'atteso riallineamento si è puntualmente manifestato

Gaetano Evangelista
 

Con Wal-Mart, si chiude ufficialmente la earnings season. L’espansione dei profitti aziendali rispetto al Q4 è risultata positiva soltanto nominalmente; ma viste le premesse della vigilia, gli investitori sono stati indotti a vedere il bicchiere mezzo pieno.

Tutta la retorica spicciola sulla minaccia rappresentata dalle schermaglie commerciali fra Stati Uniti e Cina, viene spazzata via dall’andamento delle ultime tre sedute di mercato; con lo S&P che recupera i livelli precedenti il tonfo di lunedì; lasciando con un palmo di naso chi aveva forse un po’ troppo frettolosamente recitato il de profundis del mercato.

Il pretesto per gli ulteriori acquisti di ieri è stato costituito dalle ottime – almeno così ha sancito Dr Market – trimestrali rilasciate da Cisco e da Wal-Mart, con cui è stata ufficialmente conclusa la stagione degli utili del primo trimestre. Come rilevato in precedenza, l’espansione dei profitti rispetto al Q4 è risultata positiva soltanto nominalmente; ma viste le premesse della vigilia, gli investitori sono stati indotti a vedere il bicchiere mezzo pieno. Fa una certa impressione rilevare come, ieri sera, più di 1/10 delle società dello S&P500 si collocasse sui massimi a dodici mesi: una statistica imperiosa, visto l’andamento precedente dell’ampiezza di mercato.

Il merito ancora una volta, è riconducibile alla sollecitazione e conseguente tenuta dei supporti, che hanno concesso ai ritardatari una agevole entrata a sconto e a basso rischio. Merito altresì dei modelli previsionali, che ad inizio mese prescrivevano un riallineamento puntualmente manifestatosi.

Fra questi, troviamo stia svolgendo un egregio lavoro quello proposto lo scorso 22 aprile: quando rilevammo l’eccezionale performance conseguita fino a quel momento dal mercato dei corporate bond USA ad alto rendimento. Ci siamo più volte soffermati sulle prospettive degli high yield per i prossimi sei mesi: non del tutto esaltanti, secondo la stagionalità. Al contrario, per il mercato azionario americano le cose si stanno mettendo alquanto bene: l'aggiornamento offerto oggi nel Rapporto Giornaliero traccia la tendenza più probabile per Wall Street fino alla fine di luglio.

Autore: Gaetano Evangelista Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online