Italia markets close in 2 hours 56 minutes
  • FTSE MIB

    26.943,43
    +127,64 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    35.741,15
    +64,13 (+0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.226,71
    +136,51 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    29.106,01
    +505,60 (+1,77%)
     
  • Petrolio

    84,21
    +0,45 (+0,54%)
     
  • BTC-EUR

    53.748,83
    -880,65 (-1,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.502,31
    +1.259,63 (+519,05%)
     
  • Oro

    1.803,60
    -3,20 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1620
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.566,48
    +21,58 (+0,47%)
     
  • HANG SENG

    26.038,27
    -93,76 (-0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.222,48
    +34,17 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8419
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0680
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4357
    -0,0011 (-0,08%)
     

Vigilessa scomparsa e trovata morta a Temù: arrestate due figlie

·1 minuto per la lettura
Laura Ziliani: due figlie arrestate
Laura Ziliani: due figlie arrestate

Svolta nelle indagini sul caso di Laura Ziliani, l’ex vigilessa di 55 anni scomparsa da Temù l’8 maggio e ritrovata morta ad agosto: le forze dell’ordine hanno arrestato due delle sue tre figlie e il fidanzato della più grande con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Laura Ziliani: due figlie arrestate

I Carabinieri di Breno hanno infatti eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brescia nei confronti delle due giovani di 19 e 26 anni e del fidanzato della maggiore, uno studente di 27 anni residente in provincia di Bergamo. Tutti e tre sono stati già trasferiti in carcere a Brescia.

Laura Ziliani, due figlie arrestate: i sospetti

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, le due figlie sono le stesse che l’8 maggio avevano dato l’allarme ai Carabinieri per la scomparsa della madre, uscita alle 7 per una passeggiata e mai più rientrata. Sono però sempre stati molti i passaggi del loro racconto che non hanno convinto gli inquirenti, a partire dall’allarme dato troppo presto (alle 12), dal ritrovamento del telefono della donna sotto una panca e da quello di una scarpa in un punto che non coinciderebbe con la direzione che aveva intrapreso la 55enne. Secondo le autorità gli arrestati l’avrebbero messa lì per depistare le indagini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli