Italia markets close in 1 hour 26 minutes
  • FTSE MIB

    25.753,74
    +16,99 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    34.260,68
    -38,65 (-0,11%)
     
  • Nasdaq

    14.105,49
    +32,63 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • Petrolio

    72,38
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    32.333,73
    -1.078,28 (-3,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    972,84
    -19,64 (-1,98%)
     
  • Oro

    1.859,50
    +3,10 (+0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.245,78
    -0,81 (-0,02%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.149,97
    +6,45 (+0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8589
    -0,0023 (-0,27%)
     
  • EUR/CHF

    1,0905
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4769
    -0,0005 (-0,04%)
     

Lavorare più di 55 ore a settimana aumenta rischio ictus e morte

·2 minuto per la lettura

Lavorare 55 ore o oltre a settimana aumenta il rischio ictus del 35% e di morte del 17% rispetto alle 35-40 ore di lavoro a settimana. A suonare il campanello d'allarme è l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e l'Organizzazione internazionale del Lavoro (Ilo) in una ricerca pubblicata oggi. Nel 2016, rilevano le due organizzazioni, 398 mila persone sono morte per ictus e 347 mila per una malatia cardiaca dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati è aumentato del 42%, un numero che si attesta al 19% per gli ictus.

Maggiormente colpiti sono stati gli uomini (il 72% dei decessi riguarda gli uomini), le persone che vivono nella regione del Pacifico occidentale e nel sud-est asiatico e i lavoratori di mezza età o più anziani. La maggior parte dei decessi registrati riguardavano persona di un'età compresa tra i 60 e i 79 anni che avevano lavorato almeno 55 ore a settimana quando avevano tra i 45 e i 74 anni. Il numero di persone che lavorano con orari di lavoro prolungati, sottolineano l'Oms e Ilo, è in aumento e rappresenta attualmente il 9% del totale della popolazione mondiale: questo trend espone ancora più persone a un rischio di handicap o di decesso prematuro legato al lavoro.

Questa analisi, sottolinea le due organizzazioni internazionali, arriva mentre la pandemia del Covid-19 ha messo in evidenzia la gestione del tempo di lavoro e ha accelerato le evoluzioni suscettibili di creare un aumento dell'orario di lavoro.

"La pandemia - commenta il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus - ha considerevolmente cambiato il modo in cui molte persone lavorano. Il telelavoro è diventato una norma in numerosi settori di attività facendo 'scomparire' i confini tra casa e lavoro. D'altronde numerose aziende sono state costrette a ridurre o interrompere le loro attività per risparmiare soldi e le persone che continuano a lavorare finiscono per avere un orario di lavoro prolungato. Nessun lavoro vale la pena di un rischio di ictus o di una malattia cardiaca. I Governi, i datori di lavoro e i lavoratori devono collaborare per mettere a punto dei limiti che proteggano la salute dei lavoratori".

Lavorare 55 ore o oltre a settimana, commenta Maria Neira, direttire del Dipartimento ambiente e salute all'Ilo, "rappresenta un grave pericolo per la salute. E' arrivato il momento che i governi, i datori di lavoro e i dipendenti ammettano che orari di lavoro prolungato possono provocare decessi prematuri".