Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.474,19
    -280,65 (-1,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Lavoratori Stellantis bloccano autostrada Belgrado contro piano licenziamenti

Il logo Stellantis presso la sede dell'azienda a Poissy, vicino Parigi

BELGRADO (Reuters) - I lavoratori dello stabilimento serbo di Stellantis hanno bloccato l'autostrada principale della capitale Belgrado per protestare contro i licenziamenti previsti nell'ambito del passaggio alla produzione di veicoli elettrici.

Il mese scorso la casa automobilistica ha offerto ad alcuni dei suoi 2.000 lavoratori dello stabilimento serbo la possibilità di scegliere se trasferirsi all'estero per due anni per riqualificarsi nella produzione di auto elettriche o accettare il licenziamento per esubero - una mossa a cui si sono opposti i sindacati.

L'offerta è arrivata dopo che, in aprile, la Serbia e Stellantis hanno raggiunto un accordo da oltre 190 milioni di euro per la produzione di veicoli elettrici nella città industriale di Kragujevac. La Serbia investe 48 milioni di euro nell'impianto.

Circa 300 lavoratori, guidati da rappresentanti sindacali, hanno bloccato l'autostrada principale di Belgrado, affermando di essere contrari alla scelta che è stata loro proposta e che il governo dovrebbe offrire un pacchetto di buonuscita o opzioni di lavoro per chi viene licenziato.

"Se loro (il governo) hanno 48 milioni di euro per gli stranieri, hanno anche la somma molto più bassa di denaro necessaria per coprirci fino a quando non troveremo un altro lavoro", ha detto Zoran Miljkovic, un attivista sindacale.

Un portavoce del gruppo in Serbia non ha commentato.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli