Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    31.239,02
    +1.348,82 (+4,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Lavoro: in 11 mesi denunce infortuni -16,7% ma casi mortali +15,4%

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 dic. (askanews) - Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all'Inail tra gennaio e novembre sono state 492.150 (-16,7% rispetto allo stesso periodo del 2019), 1.151 delle quali però con esito mortale (+15,4%). Quest'ultimo incremento è influenzato soprattutto dai decessi avvenuti e protocollati al 30 novembre a causa dell'infezione da Covid-19 in ambito lavorativo, che rappresentano circa un terzo dei decessi denunciati all'Inail da inizio anno. In diminuzione le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 40.926 (-27,6%). I dati sono fortemente influenzati dall'emergenza Coronavirus, sottolinea l'Istituto.

Il confronto tra i primi 11 mesi del 2020 e del 2019 risente, infatti, principalmente di alcuni fattori che stanno fortemente condizionando l'andamento infortunistico dell'anno: la sospensione su tutto il territorio nazionale tra il 9 marzo e parte del mese di maggio di ogni attività produttiva considerata non essenziale, la contemporanea chiusura dei plessi scolastici e la difficoltà incontrata dalle imprese nel riprendere la produzione a pieno regime nel periodo post-lockdown, che si stanno tuttavia rivelando determinanti solo per il calo delle denunce d'infortunio in complesso, e l'inclusione, a partire dalla rilevazione dello scorso marzo, delle denunce di infortunio relative alle infezioni da Covid-19 avvenute nell'ambiente di lavoro o a causa dello svolgimento dell'attività lavorativa e in itinere, che sta avendo un impatto significativo sull'andamento dei decessi finora registrati, che risultano per questo motivo in deciso aumento, e i cui effetti si potranno valutare solo a consolidamento dei dati a fine anno.