Italia markets open in 5 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    +260,07 (+1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.727,48
    +204,22 (+0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,2134
    +0,0019 (+0,16%)
     
  • BTC-EUR

    28.544,08
    -67,97 (-0,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    687,47
    -13,14 (-1,88%)
     
  • HANG SENG

    30.000,95
    +38,48 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     

Lavoro 2024, professioni richieste dal mercato nei prossimi anni

Fabio Carbone
·3 minuto per la lettura

Non vogliamo guardare alle professioni di un lontano futuro e cioè a quelle che svolgerà chi oggi si trova alle scuole superiori, ma vogliamo guardare alle professioni dell’imminente futuro, cioè a quelle che un appena laureato potrebbe ritrovarsi a svolgere dal 2021 al 2024.

Se c’è infatti un aspetto che a un maggior numero di imprenditori è chiaro anche in Italia, è che ora è giunto il momento di assumere gente che ha competenze elevate e specifiche.

Serve l’alta specializzazione, proprio quella che in Italia in molti ambiti tecnologici spesso non è sufficiente a coprire tutta la domanda.

Le parole chiave, potremmo dire, che vanno tenute a mente da chi è in cerca di lavoro sono note già da un po’ ed ora, forse, assumono un ruolo ancor più dominante al termine di un anno “pandemico”.

Professioni con competenze green e digitali

Tra il 2020 e il 2024 saranno richieste competenze green a circa 1,6 milioni di lavoratori con importanza intermedia e a 978 mila unità con importanza elevata.

Le imprese italiane, risulta ad Unioncamere, sono alla crescente ricerca di persone in grado di migliorare i processi industriali e aziendali per conformarli al nuovo imperativo della sostenibilità ambientale. Ma le industrie sono anche alla ricerca di chi sappia produrre i prodotti del futuro che dovranno essere a impronta zero.

Già nel 2019 erano aumentate le società “ecoinvestitrici”, che guideranno una parte importante della domanda di lavoro nel prossimo quinquennio.

Tra le figure ricercate: ingegneri civili, ingegneri energetici e meccanici, tecnici nella gestione dei cantieri edili, e i tecnici della sicurezza sul lavoro.

La competenze digitali sono una componente obbligata delle skill che una lavoratore e una lavoratrice dovrà possedere. Cosa servirà sapere usare?

Tecnologie internet, strumenti di comunicazione visiva e multimediale e competenze intermedie. Se passiamo ai livelli più alti (e-skill mix), allora si richiederà la capacità di utilizzare linguaggi e metodi matematici e informatici, capacità di gestire soluzioni innovative.

Tra le figure ricercate: ingegneri biomedici e i bioingegneri, i matematici e statistici, analisti, tecnici programmatori, tecnici esperti in applicazioni o nella gestione delle reti.

Le professioni ricercate 2020 – 2024

Nei prossimi anni le professioni specialistiche e tecnici ed anche i dirigenti, rappresenteranno il 45% circa del fabbisogno secondo il Rapporto dei fabbisogno occupazionali e professionali in Italia pubblicato dal progetto Excelsior di UnionCamere.

Serviranno, secondo il rapporto, circa 603 mila unità nelle professioni specialistiche e 540 mila unità tecniche. Sempre tra il 2020 e il 2024 serviranno professioni commerciali e dei servizi per un totale di 462.500 unità secondo la stima.

Servono in particolare specialisti della formazione e della ricerca, servirà personale nelle professioni tecniche nelle scienze della salute e della vita, serviranno figure qualificate nelle attività commerciali, professioni tecniche in attività organizzative, amministrative e finanziarie e commerciali. Serviranno specialisti in scienze umane e sociali e ancora professioni del campo STEM.

I settori con maggiori esigenze di personale

Secondo il rapporto avranno bisogno di un accresciuto numero di persone il settore della salute (tutta la filiera della saluta), formazione e cultura, servizi della pubblica amministrazione.

Lavoro 2024 = studiare

Trovare lavoro entro il 2024 significa studiare e se non lo si è fatto fino ad ora, bisognerà iniziare al più presto, perché la società diventa sempre più tecnologica e richiede anche in campi fino a pochi anni fa considerati “classici”, competenze nuove per rispondere alle nuove esigenze della società.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: