Italia markets close in 4 hours 55 minutes
  • FTSE MIB

    24.015,34
    -73,31 (-0,30%)
     
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,91
    -0,76 (-1,21%)
     
  • BTC-EUR

    46.040,13
    -323,46 (-0,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.259,28
    +24,86 (+2,01%)
     
  • Oro

    1.779,00
    +0,60 (+0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,2005
    -0,0036 (-0,30%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.957,01
    +16,55 (+0,42%)
     
  • EUR/GBP

    0,8616
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,1016
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5121
    -0,0049 (-0,32%)
     

Lavoro, 9,4 milioni di italiani hanno paura di perdere il posto

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Il futuro fa paura ai lavoratori. Sono 9,4 milioni i lavoratori del settore privato preoccupati sul futuro della propria occupazione. In particolare, 4,6 milioni temono di andare incontro a una riduzione del reddito, 4,5 milioni prevedono di dover lavorare più di prima, 4,4 milioni hanno paura di perdere il posto e di ritrovarsi disoccupati, 3,6 milioni di essere costretti a cambiare lavoro. Gli operai spaventati sono 3 su 4. Del resto, nonostante il blocco dei licenziamenti stabilito per decreto, nel 2020 non sono stati rinnovati 393.000 contratti a termine. Sono alcuni dei principali risultati del 4° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale, realizzato in collaborazione con Eudaimon (www.eudaimon.it), leader nei servizi per il welfare aziendale, con il contributo di Credem, Edison e Michelin.

Il 31,6% dei lavoratori ha sperimentato il lavoro da remoto: il 51,5% dei dirigenti, il 34,3% degli impiegati e il 12,3% degli operai. Sul lavoro a distanza vengono espressi giudizi contrastanti. Il 52,4% degli smart worker lo apprezza e vorrebbe che restasse anche in futuro, invece il 64,4% di chi lavora in presenza lo teme. Per il 37% degli smartworker il proprio lavoro è rimasto lo stesso di prima, per il 35,5% è peggiorato, per il 27,5% è migliorato. Ma per 4 lavoratori su 10 il lavoro da casa genera nuove disuguaglianze e divisioni in azienda.

L’87% delle aziende guarda con ottimismo alla ripresa dopo l’emergenza sanitaria. E' uno dei principali risultati che emerge dal 4° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale. Se l'orizzonte per i lavoratori appare cupo, voglia di fare (62,2%), speranza (33,7%) e coesione interna (30,1%) sono gli stati d’animo prevalenti tra i responsabili aziendali intervistati dal Censis. Il dopo sarà caratterizzato dalla corsa al recupero di fatturato e quote di mercato (76%) e dalla sfida della transizione digitale (36,2%). L’ottimismo delle aziende colpisce, visto che ben il 68,7% di esse ha registrato perdite di fatturato dopo il lockdown della scorsa primavera. Nonostante le straordinarie difficoltà, per il 62,2% dei responsabili aziendali le proprie imprese se la stanno cavando bene.