Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    35.720,13
    +351,99 (+1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.816,90
    -18,90 (-1,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8534
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0739
    -0,0026 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4790
    +0,0001 (+0,00%)
     

Lavoro e ammortizzatori sociali, oggi focus su risorse

·2 minuto per la lettura

Il governo stringe i tempi sulla riforma degli ammortizzatori sociali. Oggi il ministro del Lavoro Andrea Orlando farà il punto con quello dell'Economia Daniele Franco sul documento messo a punto in questi mesi di confronto. Ieri l'incontro del ministro Orlando con i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Obiettivo, come si legge in una nota del dicastero di via Veneto, quello di condividere con Landini, Sbarra e Bombardieri "l’avanzamento del lavoro" per cominciare a sciogliere il nodo dei nodi, quello delle risorse da cui dipenderà peso, perimetro e sostenibilità della riforma. Un tema, quello del finanziamento della riforma su cui vigilano i sindacati per i quali, come ribadito dal leader Uil, Pierpaolo Bombardieri, non esistono riforme, tantomeno degli ammortizzatori sociali, 'a costo zero'. Un messaggio "chiaro" che il segretario generale invia espressamente a Franco "più che al ministro Orlando". "Noi chiediamo che gli ammortizzatori sociali siano garantiti a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori e perciò servono investimenti", ribadisce. Al momento, intanto, l'unica cifra 'ufficiale' a disposizione del fondo ad hoc per i nuovi strumenti di protezione sociale è quella legata alla sospensione del cashback, per un totale di 1,5 miliardi di euro .

Tornando al provvedimento la riforma , come più volte ribadito da Orlando, intende "assicurare una protezione "universale" a tutti i lavoratori, dipendenti e autonomi, in ogni settore e a prescindere dalle dimensioni dell'impresa" ma "differenziati per settori e entità, tenendo conto anche delle dinamiche dei diversi settori produttivi". Ma la vera 'svolta' arriverebbe se si riuscisse ad estendere le tutele sociali anche ai lavoratori di micro - imprese, quelle sotto i 5 dipendenti oggi del tutto scoperti, senza cig né Fis o fondi bilaterali. Per questo sui tavoli tecnici si è cercato di lavorare ad allargare la platea e a trasformare in senso solidaristico i fondi bilaterali prevedendo anche un superfondo a sostegno di eventuali situazioni di crisi.

Tra gli obiettivi anche quello di allargare alla cassa integrazione straordinaria alle imprese fino a 15 dipendenti. L'idea resta quella di superare la cig in deroga. Confermata invece la cig ordinaria disegnando però nuovi massimali salariali: dai 998 euro lordi attuali previsti per retribuzioni mensili fino a 2.159,48 euro ad almeno 1999 euro. Le causali cig dovrebbero restare : crisi aziendale, riorganizzazione, cessazione di attività, crisi locali e settoriali. Il quadro dovrebbe essere implementato dagli strumenti di politiche attive, a cominciare dall'assegno di ricollocazione che dovrebbe essere riassorbito nel Gol. Ritocchi in vista anche per la Dis.Coll e Naspi; la prima allungherebbe i tempi di copertura e per entrambi si disegnerebbe un nuovo decalage salariale che potrebbe partire dal sesto mese in poi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli