Italia markets open in 8 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2054
    -0,0034 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    41.315,93
    +3.482,63 (+9,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Lavoro: Furlan (Cisl), necessario prorogare il blocco licenziamenti e cassa Covid

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

“Abbiamo letto tutti i dati Istat che parlano chiaro. Più disoccupazione in modo drammatico femminile e giovanile e tanti autonomi che chiudono, partite Iva, tanti piccoli negozi e imprese piccole di tutti i settori”. Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan oggi ai microfoni di Tgcom24, in scia ai dati sul lavoro in Italia che ha visto tornare a salire la disoccupazione (al 9% a dicembre). “Abbiamo bisogno di rilanciare l’economia del Paese e l’occasione dell’utilizzo del Recovery plan è straordinaria" - ha osservato – auspicando che “in tempi brevissimi, già domani si chiuda la partita della crisi del governo e si riinizi con forza e con tanta serietà a gestire questo processo fondamentale per il futuro. Sul tema lavoro, Furlan ha poi ribadito la necessità di prorogare il blocco dei licenziamenti e la Cassa Covid. "Abbiamo bisogno di coprire le spalle a tanti lavoratori e lavoratrici - ha tenuto a precisare - Attraverso la cassa covid e il blocco dei licenziamenti e non in modo selettivo come proposto da Confindustria, perché non sono solo nel terziario i settori in crisi, ci sono anche tante piccole e medie imprese del manifatturiero che sono fortemente in crisi. A seconda della tipologia, a seconda di quello che si produce, a seconda del territorio". Furlan non condivide quanto sostenuto da Confindustria secondo cui invece la proroga del blocco dei licenziamenti per un periodo troppo ampio e ad un ampio numero di categorie potrebbe costituire un freno per il rilancio di tante imprese.