Italia markets closed

Lavoro, Inail: in 5 mesi -23% denunce infortuni, +10,5% casi ... -5-

Mlp

Roma, 30 giu. (askanews) - Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all'Istituto nei primi cinque mesi di quest'anno sono state 432 che, pur nella provvisoriet dei dati, mostrano gi un aumento di 41 casi rispetto ai 391 registrati nello stesso periodo del 2019 (+10,5%). Questo aumento influenzato dal numero dei decessi avvenuti e protocollati al 31 maggio 2020 a causa dell'infezione da Covid-19 in ambito lavorativo.

A livello nazionale, rispetto ai primi cinque mesi dell'anno scorso, si registra una riduzione solo degli infortuni in itinere, che sono passati da 112 a 68 (-39,3%), mentre quelli avvenuti in occasione di lavoro sono aumentati da 279 a 364 (+30,5%). L'aumento ha riguardato la gestione Industria e servizi (da 342 a 378 denunce) e il Conto Stato (da 5 a 22), mentre l'Agricoltura ha registrato 12 casi in meno (da 44 a 32).

Tre gli incidenti plurimi avvenuti nei primi cinque mesi di quest'anno, per un totale di sei decessi: il primo in gennaio, costato la vita a due lavoratori vittime di un incidente stradale a Grosseto, il secondo in febbraio, con due macchinisti morti nel deragliamento ferroviario avvenuto in provincia di Lodi, e l'ultimo in marzo, con due vittime in un incidente stradale in provincia di Torino. Lo scorso anno, invece, gli incidenti plurimi avvenuti tra gennaio e maggio (tutti stradali) erano stati otto, con 16 casi mortali denunciati.

Dall'analisi territoriale emerge una diminuzione di quattro casi mortali nel Nord-Est (da 83 a 79), di 12 al Centro (da 84 a 72) e di 13 nelle Isole (da 41 a 28). Il Nord-Ovest si contraddistingue, invece, per un incremento di 55 casi mortali (da 102 a 157), complici gli aumenti soprattutto della Lombardia (+45) e del Piemonte (+6). Anche il Sud registra 15 casi mortali in pi (12 solo in Puglia).

L'incremento rilevato nel confronto tra i primi cinque mesi del 2020 e del 2019 legato soprattutto alla componente maschile, i cui casi mortali denunciati sono passati da 358 a 394 (+36 decessi), mentre quella femminile ha fatto registrare cinque casi in pi, da 33 a 38. In aumento le denunce di infortuni mortali dei lavoratori italiani (da 320 a 366) ed extracomunitari (da 42 a 43), in calo quelle dei lavoratori comunitari (da 29 a 23).

Dall'analisi per classi di et si contraddistinguono per un aumento dei decessi quelle tra i 30-34 anni e, soprattutto, degli over 55, rispetto alla diminuzione registrata nelle altre fasce. (Segue)