Italia Markets closed

Lavoro, Istat: a bassa retribuzione il 6,3% dei rapporti di lavoro

Mlp

Roma, 9 dic. (askanews) - È a bassa retribuzione il 6,3% dei rapporti di lavoro attivi nel 2017, in quanto registra una retribuzione oraria inferiore a 7,50 euro, ossia ai due terzi della retribuzione mediana. . E' la fotografia scattata dall'Istat nel report "Differenziali retributivi in Italia anno 2017".

Nonostante l'aumento in valore assoluto, da 1,1 milioni nel 2014 a 1,2 milioni nel 2017, le posizioni a bassa retribuzione segnano una diminuzione di 0,4 punti percentuali in termini relativi nei quattro anni considerati.

I low pay jobs si concentrano tra i giovani under 30 (11,7%), le posizioni occupate nel Sud (11%), i lavoratori nati all'estero (9,5%) e i lavoratori con contratto a tempo determinato (9,5%).

Le donne sono più colpite (6,8% contro 5,9% per gli uomini) mentre tra le posizioni occupate da lavoratori laureati l'incidenza di low pay jobs è bassa (2,8%).

In termini relativi le posizioni a bassa retribuzione registrano un deciso calo rispetto al 2014 tra gli stranieri (-2,4 punti percentuali), i giovani (-1 punti percentuali) e nel Sud (-0,8 punti percentuali).

L'incidenza di low pay jobs è più alta per le posizioni di breve durata: nel 2017 vi rientra il 13,3% delle posizioni con durata inferiore al mese e solo il 3,2% delle posizioni che hanno lavorato nell'anno più di 10 mesi