Lavoro, Istat: Inattivi al 37,8% in Italia, in Ue peggio solo Malta

Roma, 22 gen. (LaPresse) - Il tasso di inattività della popolazione italiana tra i 15 e 64 anni nel 2011 non subisce variazioni rispetto all'anno precedente, attestandosi al 37,8%, valore tra i più elevati d'Europa e secondo solo al dato di Malta. Lo rileva l'Istat nel rapporto 'Noi Italia'. Gli inattivi sono coloro i quali non hanno lavoro né lo cercano. L'istituto statistico sottolinea che particolarmente elevata appare l'inattività femminile (48,5%), anche se in lieve riduzione rispetto al passato. Il tasso maschile è pari al 26,9%. Rispetto al 2010, il tasso di inattività maschile segnala un incremento di due decimi di punto, mentre quello femminile registra una flessione di quattro decimi. Se si esamina l'andamento dell'ultima decade, emerge che l'indicatore raggiunge i livelli più elevati nell'ultimo triennio. Nel periodo considerato il tasso maschile è cresciuto quasi due punti percentuali, mentre la componente femminile ha ridotto il suo elevato valore solo di otto decimi di punto.

ITALIA TERZULTIMA UE PER TASSO OCCUPAZIONE. Il rapporto 'Noi Italia' afferma anche che nel 2011 in Italia è occupato il 61,2% della popolazione di 20-64 anni, solo un decimo di punto in più rispetto al 2010. L'Istat sottolinea che nell'Ue a 27 Paesi a registrare un tasso minore sono soltanto Grecia e Ungheria. Secondo l'istituto statistico si presenta molto marcato lo squilibrio di genere: le donne occupate sono il 49,9%, gli uomini il 72,6%. Il tasso di occupazione della popolazione in età 55-64 anni nel 2011 è al 37,9%, in aumento rispetto al 2010.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.891,31 0,20% 11:14 CEST
Eurostoxx 50 3.194,84 0,15% 10:59 CEST
Ftse 100 6.683,04 0,02% 10:59 CEST
Dax 9.588,39 0,12% 10:59 CEST
Dow Jones 16.514,37 0,40% 22 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati