Italia markets open in 8 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2039
    +0,0059 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    46.640,78
    -280,15 (-0,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.273,66
    -25,30 (-1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

Lavoro, Orlando: ripensare ammortizzatori in funzione transizione

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Modena, 12 mar. (askanews) - La transizione ecologica "deve essere inclusiva anche dal punto di vista sociale" e per questo "vanno ripensati anche gli ammortizzatori sociali". Lo ha detto il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando, alla presentazione del Master di Management della Transizione Ecologica, organizzato dall'università di Modena e Reggio Emilia.

"La transizione deve essere inclusiva, sicuramente dal punto di vista sociale - ha spiegato Orlando -. E dovrà accompagnare i processi di trasformazione. Stiamo riflettendo e ne parleremo al più presto con i ministri competenti a partire da Cingolani della esigenza di ripensare anche agli amministratori sociali e gli strumenti delle politiche attive del lavoro in funzione della transizione. E' del tutto evidente che la transizione o è evoluzione del capitale umano e del lavoro o rischia di fallire".

Ma la transizione, secondo il ministro del Lavoro, deve anche essere inclusiva dal punto di vista della "capacità di tenere dentro tutto il sistema produttivo". Infatti "spesso viene raccontata come una sequela di eccellenze, di aziende che sono molto avanti e in questo senso indicano la strada. Ma bisogna sapere tener dentro anche la retroguardia: ci occupiamo della green economy che si è sviluppata in questi anni, ma nei prossimi anni credo che ci dovremo occupare molto della brown economy che ancora persista e come gli si daranno degli strumenti per realizzare un'evoluzione". Quindi "dobbiamo pensare alla cosiddetta 'via italiana' della transizione".