Italia markets open in 7 hours 9 minutes

Lavoro,Rapp.Banca d'Italia: riduzione di 58mila unità, 3,4%

Bnz

Venezia, 30 giu. (askanews) - Sul fronte del mercato del lavoro e le famiglie, sottolinea la sintesi del Rapporto annuale di Banca d'Italia sull'economia del Veneto, " Le ricadute sono state immediate e diffuse per la particolare specializzazione regionale nei settori più colpiti dalle sospensioni governative e nel turismo. I dati - si legge - evidenziano una drastica riduzione del numero degli occupati dipendenti dall'insorgere dell'emergenza fino alla metà di maggio. La riduzione pari a 58.000 unità (3,4% del totale dei dipendenti), è in larga imputabile ai contratti a tempo determinato, soprattutto nel terziario (pubblici esercizi e settori legati al turismo) dove sono più frequenti i rapporti di lavoro a tempo determinato e stagionali".

"L'occupazione a tempo indeterminato - prosegue la sintesi del Rapporto di Banca d'Italia - è stata garantita dal blocco dei licenziamenti e sostenuta dall'attivazione degli ammortizzatori sociali. Il calo occupazionale sembra essersi arrestato con la fine del lockdown. Con l'emergenza Covid-19 - prosegue - le misure di sostegno al reddito sono state potenziate ed eccezionalmente estese per ricomprendere una platea più ampia di lavoratori sia dipendenti sia autonomi. Il ricorso alla CIG è stato ampio: nei primi 5 mesi del 2020 sono state autorizzate 166 milioni di ore di CIG e 58 milioni di ore a valere sul Fondo di integrazione salariale. Nel complesso le ore autorizzate nei primi cinque mesi equivalgono a quasi 133.000 lavoratori a tempo pieno per un anno".