Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    39.608,95
    -1.952,29 (-4,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Lavoro usurante e capro espiatorio, la dura vita del ministro della Salute

Lorenzo Santucci
·Contributor
Minisitri della Salute di Austria, Germania, Belgio e Repubblica Ceca (Photo: GETTY IMAGES)
Minisitri della Salute di Austria, Germania, Belgio e Repubblica Ceca (Photo: GETTY IMAGES)

Se può essere di conforto, Roberto Speranza non è l’unico ministro della Salute a essere finito sulla graticola in patria. Magra consolazione per il diretto interessato, probabilmente, ma la realtà politica da un anno a questa parte, dall’inizio della pandemia di Covid-19, dice che così è per tantissimi ministri in tutto mondo. Lavoratore usurante, come quello di moltissimi in prima linea contro il Covid-19, ma con il prolungarsi della pandemia sempre più spesso capro espiatorio, oggetto del tiro a bersaglio dopo ogni evento avverso.

Notizia di oggi è il licenziamento del ministro in Romania, Vlad Voiculescu, anch’egli sotto pressione per le tensioni interne alla coalizione di governo, e del suo braccio destro Andreea Moldovan, segretario di Stato alla Sanità. Alla base c’è l’ultima incomprensione con il primo ministro Florin Citu, in merito alla rielaborazione dei criteri per la messa in quarantena delle varie zone del paese. Proprio ieri Moldovan aveva firmato un’ordinanza, che avrebbe portato all’adozione delle misure di quarantena più facilmente e per un periodo di tempo più lungo, pubblicata in Gazzetta Ufficiale senza prima consultarsi con il primo ministro. Un racconto confermato anche dalla stessa Moldovan, che tiene però a sottolineare come l’ordine fosse stato discusso e votato nel Comitato tecnico scientifico. Proprio ieri il ministro Voiculescu aveva rassicurato la popolazione di Bucarest, preoccupata che nelle nuove normative fosse inclusa anche la quarantena durante la Pasqua ortodossa. L’allontanamento del ministro, fortemente criticato dal leader dell’Alleanza Usr Plus, Dacian Ciolos, potrebbe anche essere la diretta conseguenza dell’ennesimo episodio di mala gestione sanitaria, consumatosi lunedì presso il nosocomio Victor Babes: il malfunzionamento dell’impianto di ossigeno nel reparto di...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.