Lazio, sabato iniziano i saldi. Assessore Comune: Vigili allerta

Roma, 3 gen. (LaPresse) - Sabato 5 gennaio partirà anche nel Lazio la stagione dei saldi che si protrarrà fino al 15 febbraio. I prodotti esposti per la vendita nelle vetrine esterne o all'ingresso del locale dovranno indicare in modo chiaro e ben leggibile il prezzo di vendita al pubblico, mediante l'uso di un cartello o con altre idonee modalità. Negli esercizi di vendita e nei reparti di tali esercizi organizzati con il sistema di vendita del libero servizio l'obbligo di indicazione del prezzo deve essere osservato per tutte le merci esposte al pubblico.

"A tutela degli acquisti, vorrei ricordare i dati da esporre sempre nei cartellini da parte degli esercenti - afferma l'assessore alle Attività Produttive del Comune di Roma Davide Bordoni - che sono il prezzo originario, la percentuale di sconto sul prezzo normale di vendita e il prezzo finale scontato. Come sempre, gli agenti della polizia locale di Roma Capitale vigileranno affinché i saldi si svolgano in modo conforme alle regole".

In relazione alla data di inizio delle vendite invernali di fine stagione, l'assessore Bordoni sottolinea che "non é più procrastinabile un intervento decisivo della Regione Lazio in materia di commercio. A luglio la Commissione Pmi della Pisana aveva dato il via libera alla proposta di legge regionale che avrebbe consentito ai commercianti del Lazio di poter derogare alla data di inizio delle vendite di fine stagione esclusivamente per i saldi di gennaio 2013. Tale soluzione non é stata mai affrontata dal Consiglio regionale. Sta alle Regioni, sentiti gli enti locali, le associazioni di categoria e dei consumatori, stabilire regole, date e modalitß di svolgimento dei saldi e Roma Capitale é in attesa della revisione della legge 33/99 che regola il commercio in tutte le sue forme".

"Auspico quindi - conclude l'assessore - che la materia venga seriamente presa in considerazione da chi si troverà alla guida della Regione Lazio. In un momento di crisi economica come quello che stiamo vivendo, la mancanza di una norma chiara di riferimento rappresenta un danno enorme che si aggiunge ai mancati incassi degli esercenti e alla limitazione del potere di acquisto delle famiglie".

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.935,34 +1,49% 22 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.199,69 +1,39% 22 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.681,76 0,85% 22 apr 17:35 CEST
Dax 9.600,09 +2,02% 22 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.514,37 0,40% 22 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09% 08:00 CEST