Italia markets close in 1 hour 16 minutes
  • FTSE MIB

    22.924,97
    -158,58 (-0,69%)
     
  • Dow Jones

    31.358,87
    -32,65 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.168,62
    -190,17 (-1,42%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,82
    +1,07 (+1,79%)
     
  • BTC-EUR

    42.225,52
    +1.107,84 (+2,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.018,15
    +30,05 (+3,04%)
     
  • Oro

    1.709,60
    -24,00 (-1,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2058
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.842,37
    -27,92 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.696,23
    -11,49 (-0,31%)
     
  • EUR/GBP

    0,8651
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,1068
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5245
    -0,0027 (-0,17%)
     

L'azione umana ed i valori individuali determinano i prezzi

Francesco Simoncelli
·8 minuto per la lettura

Perché gli individui pagano prezzi molto più alti per alcuni beni rispetto ad altri? La risposta comune è la legge della domanda e dell'offerta. Cosa c'è dietro questa legge? Per fornire una risposta a questa domanda gli economisti fanno riferimento alla legge dell'utilità marginale decrescente.

L'economia mainstream spiega la legge dell'utilità marginale decrescente in termini di soddisfazione che si trae dal consumo di un determinato bene. Ad esempio, un individuo trae grande soddisfazione dal consumo di un cono gelato.

La soddisfazione che deriverà dal consumo di un secondo cono potrebbe anche essere grande, ma non così grande come la soddisfazione derivata dal primo. È probabile che la soddisfazione derivante dal consumo di un terzo cono diminuisca ulteriormente, e così via. [1]

Da ciò l'economia mainstream conclude che più beni consumiamo in un dato periodo, minore è la soddisfazione o l'utilità che deriviamo da ogni unità aggiuntiva.

Di conseguenza se l'utilità aggiuntiva di un prodotto diminuisce man mano che ne consumiamo sempre di più, diminuisce anche il prezzo che siamo disposti a pagare per unità.

L'utilità, secondo questo modo di pensare, è presentata come una certa quantità che aumenta ad un ritmo decrescente man mano che si consuma più di un particolare bene.

Non solo, ma date queste premesse una quantità totale può essere etichettata anche come utilità totale e quindi diventa possibile introdurre la matematica per calcolare l'aggiunta a suddetto totale di utilità aggiuntiva o utilità marginale.

Secondo il modo di pensare mainstrem, la legge del declino dell'utilità marginale deriva dalla cosiddetta diminuzione della soddisfazione nel consumare un particolare bene. Dopo aver consumato diversi coni gelato, un individuo si sente sazio.

In questo modo di pensare non c'è spazio per l'azione umana, la quale avviene in base a bisogni biologici. Secondo Ludwig von Mises:

È impossibile descrivere un'azione umana se non si fa riferimento al significato che l'attore vede nello stimolo e a cui indirizza la sua risposta. [2]

La spiegazione di Menger

Secondo Carl Menger, il fondatore della Scuola Austriaca d'economia, le persone classificano vari obiettivi che desiderano raggiungere in base alla loro importanza nella loro vita.

Ai vari fini che gli individui considerano i più importanti per il proprio benessere vengono assegnati i gradi più alti.[3] Ai fini meno importanti viene assegnato un rango inferiore.

Pensate ad esempio a John il panettiere che ha prodotto quattro pagnotte di pane: esse sono le sue risorse o mezzi che impiega per raggiungere vari obiettivi.

Diciamo che la sua massima priorità o il suo fine più alto, per quanto riguarda la sua vita, sia quella di dirottare una pagnotta per il consumo personale.

Ciò significa che dalla produzione di quattro pagnotte John dedicherà al suo consumo personale una pagnotta (se non la consuma, ciò potrebbe mettere in pericolo la sua vita).

La seconda pagnotta di pane aiuta John a raggiungere il suo secondo obiettivo più importante, per quanto riguarda la vita, e cioè consumare cinque pomodori.

Diciamo che John ha avuto successo e trova un coltivatore di pomodori che accetta di scambiare i suoi cinque pomodori con una pagnotta di pane.

John usa la terza pagnotta per scambiarla con la terza cosa per lui più importante, ovvero avere una camicia. Alla fine John decide che assegnerà la sua quarta pagnotta al nutrimento degli uccelli selvatici.

Si noti che per raggiungere il secondo e il terzo fine John ha dovuto scambiare le sue risorse (pagnotte di pane) con beni che sarebbero serviti per raggiungere i suoi fini.

Per acquistare una camicia, John ha dovuto scambiare la sua pagnotta. La pagnotta da sola, però, non è adatta a svolgere i servizi che la camicia fornisce.

L'idoneità dei mezzi è ciò che gli conferisce valore per un fine particolare. Da ciò possiamo dedurre che un dato fine determina o stabilisce, per così dire, i mezzi o le risorse specifiche che l'individuo seleziona per il raggiungimento di quel fine.

Ad esempio, per acquistare una camicia, John deve decidere se sarà una camicia per il tempo libero o una camicia da lavoro.

John dovrà scegliere tra varie camicie quella più adatta al suo specifico fine, diciamo una camicia da lavoro. Essendo un fornaio, John può concludere che la camicia deve essere di colore bianco e fatta di materiale sottile piuttosto che spesso per tenerlo a suo agio mentre lavora vicino ad un forno caldo.

Per quanto riguarda la vita di John, nutrire gli uccelli selvatici è classificato come il più basso tra i fini a cui John punta, dato il suo bacino di risorse: quattro pagnotte di pane.

Si noti che la prima pagnotta di pane viene impiegata per raggiungere il fine più importante, la seconda pagnotta di pane il secondo fine più importante, e così via. La classificazione dei vari fini viene effettuata rispetto alla loro utilità nel sostenere la vita e il benessere.

Si noti che il fine assegna l'importanza alla risorsa impiegata per raggiungerlo.

Ciò implica che la prima pagnotta ha un'importanza molto più alta della seconda a causa del fine più importante che la prima pagnotta garantisce per quanto riguarda la vita di John.

Il fine meno importante definisce lo standard di valutazione

John considera le quattro pagnotte in suo possesso intercambiabili. Ciò implica che ogni pagnotta per lui avrà lo stesso valore. Come si concilia questo con il fatto che ogni pagnotta presuppone fini che sono valutati da John in ordine decrescente? Questa contraddizione è risolta una volta che si capisce che John assegna ad ogni pagnotta l'importanza attribuita dal fine meno importante, che è nutrire gli uccelli selvatici. Perché il fine meno importante serve come standard per valutare le pagnotte?

Immaginate che John utilizzi la fascia più alta come standard per assegnare valore a ciascuna pagnotta. Ciò implicherebbe che egli valuti la ​​seconda, la terza e la quarta pagnotta molto di più dei fini che esse possono garantire.

Che senso avrebbe, quindi, cercare di scambiare qualcosa che è valutato di più con qualcosa che è valutato di meno? (Abbiamo visto che per soddisfare il suo secondo fine, ottenere cinque pomodori, cedeva una pagnotta. Tuttavia se John valuta una pagnotta di più rispetto ai cinque pomodori, ovviamente non avverrà nessuno scambio.)

La quarta pagnotta di pane è l'ultima unità nell'offerta totale di John. È anche chiamata unità marginale, cioè l'unità al margine.

Questa unità marginale assicura il fine meno importante. In alternativa, possiamo anche dire che per quanto riguarda la vita di John, l'unità marginale fornisce il minor beneficio.

Se John avesse solo tre pagnotte, ciò significherebbe che ogni pagnotta sarebbe valutata in base al fine raggiunto con la terza pagnotta (comprare una camicia). Questo fine è classificato più in alto rispetto a quello di nutrire gli uccelli selvatici.

Da ciò possiamo dedurre che man mano che l'offerta di pane diminuisce, l'utilità marginale del pane aumenta. Ciò significa che ogni pagnotta sarà valutata molto di più rispetto a prima che l'offerta di pane fosse diminuita.

Al contrario, all'aumentare dell'offerta di pane, la sua utilità marginale diminuisce e ogni pagnotta viene valutata meno rispetto a prima che si verificasse l'aumento dell'offerta.

Si noti che la legge del declino dell'utilità marginale è stata qui derivata dal fatto che gli individui utilizzano mezzi per garantire vari obiettivi o vari fini.

Inoltre si noti che la classifica dei vari obiettivi è determinata dalla loro utilità nel sostenere la vita e il benessere degli individui.

Nel caso di John il panettiere, la pagnotta meno importante determina il valore del pane in base ad una data offerta di pane.

Man mano che l'offerta aumenta, il suo valore diminuirà perché la pagnotta marginale serve l'obiettivo meno importante per quanto riguarda la conservazione della vita.

Di nuovo, la prima pagnotta permetterà di raggiungere l'obiettivo più importante per la vita di John il panettiere. La seconda pagnotta permetterà di raggiungere il secondo traguardo più importante, ecc.

Gli individui non impostano obiettivi arbitrariamente

Si noti che i fini non sono impostati arbitrariamente, ma classificati in base alla loro importanza nel sostenere la vita e il benessere.

Sebbene sia vero che le valutazioni vengono effettuate dal soggetto, ovvero da un individuo, tuttavia non sono arbitrarie. Gli individui valutano i mezzi disponibili a loro disposizione rispetto agli obiettivi che consentiranno loro di sostenere la loro vita e il loro benessere. In questo senso, le valutazioni soggettive sono in accordo con i fatti della realtà, cioè non arbitrarie.

Se John avesse classificato i suoi obiettivi in ​​modo casuale, avrebbe corso il rischio di mettere in pericolo la sua vita. Ad esempio, se avesse destinato la maggior parte delle sue risorse all'abbigliamento e all'alimentazione degli uccelli selvatici e pochissimo al nutrirsi, avrebbe corso il rischio di indebolire il suo corpo e ammalarsi gravemente.

Inoltre l'utilità marginale non è, come ritiene l'economia mainstream, un'aggiunta all'utilità Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online