Italia Markets close in 1 hr 45 mins
  • FTSE MIB

    17.888,63
    +16,35 (+0,09%)
     
  • Dow Jones

    26.214,58
    -444,53 (-1,67%)
     
  • Nasdaq

    10.901,14
    -284,45 (-2,54%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,37
    -0,80 (-2,21%)
     
  • BTC-EUR

    11.404,87
    +17,00 (+0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,39
    -3,25 (-1,23%)
     
  • Oro

    1.880,30
    +12,30 (+0,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1684
    +0,0005 (+0,0467%)
     
  • S&P 500

    3.249,28
    -60,83 (-1,84%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.952,10
    -7,93 (-0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0013 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0692
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5553
    +0,0004 (+0,02%)
     

Le bancarotte aumentano nonostante i miliardi in nuova liquidità

Francesco Simoncelli
·4 minuti per la lettura

I lockdown hanno distrutto l'economia globale e l'impatto durerà per anni. L'errore della tesi "vite o economia" è evidente a tutti ora, anche a chi lo ignorava di proposito, visto che ci sono stati Paesi come Taiwan, Corea del Sud, Austria, Svezia e Olanda capaci di preservare il tessuto imprenditoriale e l'economia mentre hanno svolto un lavoro migliore nella gestione della pandemia rispetto ai Paesi con lockdown più severi.

Uno dei fatti più allarmanti di questa crisi è il ritmo con cui crescono le bancarotte. Nonostante un'iniezione di liquidità da $11.000 miliardi e aiuti statali, azioni e obbligazioni ai massimi storici e rendimenti sovrani e societari ai minimi storici, le società stanno fallendo al ritmo più veloce sin dalla Grande Depressione. Perché? Perché una crisi di solvibilità non può essere mascherata dalla liquidità.

Migliaia di miliardi di liquidità stanno dando agli investitori e agli stati un falso senso di sicurezza, perché i rendimenti sono bassi e le valutazioni sono alte, ma è un miraggio alimentato dagli acquisti del sistema bancario centrale e che non può mascherare la velocità con cui le aziende hanno a che fare con problemi di solvibilità a lungo termine. Questo è un punto importante, perché l'impennata delle bancarotte e l'aumento delle aziende zombi significa meno occupazione, meno investimenti e una crescita più bassa in futuro.

La liquidità nasconde solo il rischio, non risolve i problemi di solvibilità causati dal crollo dei flussi di cassa mentre i costi rimangono elevati.

Secondo il Financial Times le dichiarazioni di bancarotta da parte di grandi società statunitensi stanno ora procedendo ad un ritmo record e dovrebbero superare i livelli raggiunti durante la crisi finanziaria del 2009. Al 17 agosto, un record di quarantacinque società, ciascuna con un patrimonio di oltre $1 miliardo, hanno presentato istanza di fallimento. In Germania circa cinquecentomila aziende sono considerate insolventi e sono state zombizzate da un'inutile "legge sull'insolvenza" che semplicemente estende il dolore delle imprese tecnicamente fallite. In Spagna la Banca di Spagna ha avvertito che il 25% di tutte le società è sull'orlo della chiusura per insolvenza. Secondo le stime di Moody's, oltre il 10% delle imprese nelle principali economie sono in grave stress finanziario, molte ormai in fallimento tecnico.

Com'è potuto accadere? Dalla crisi del 2008 tutte le azioni politiche sono state mirate a mantenere bassi i rendimenti dei titoli di stato, salvando la spesa pubblica ed i deficit stratosferici; e le massicce iniezioni di liquidità hanno avvantaggiato le grandi società quotate che hanno utilizzato il denaro per proteggere le loro valutazioni attraverso riacquisti ed ingegneria finanziaria a basso costo. Tuttavia il denaro facile ha anche innescato cattivi investimenti, allocazione errata del capitale e livelli di debito superiori al normale. Le piccole imprese non hanno visto i presunti benefici dei massicci programmi di liquidità e deficit, mentre le grandi aziende si sono assuefatte a livelli elevati di debito, scarso ritorno sul capitale impiegato e rapporti di solvibilità troppo bassi in un'economia in crescita.

Denaro facile e salvataggi statali hanno gettato i semi di una crisi di solvibilità innescata dalla decisione irresponsabile di alcuni governi di chiudere intere economie. Se avete un'economia altamente indebitata e con rapporti di produttività e solvibilità bassi, chiuderla per due mesi è l'ultimo chiodo nella bara. E le ripercussioni dureranno per anni.

Salvare le aziende zombi non farà che peggiorare le cose e nuovi lockdown potrebbero essere letali. La soluzione è ciò che nessuno stato vuole fare, perché non cattura i titoli dei giornali né dà l'impressione che i politici stiano salvando il mondo: misure dal lato dell'offerta che attivano i meccanismi di rifinanziamento, ristrutturazione e miglioramento dell'efficienza.

Più politiche dal lato della domanda, piani di stimolo inutili atti a costruire qualsiasi cosa a qualsiasi costo e più iniezioni di liquidità peggioreranno le cose e spingeranno l'economia verso la stagflazione. Il problema successivo sarà quindi una crisi finanziaria mentre le bancarotte aumentano e le valutazioni degli asset bancari scenderanno, poiché i prestiti in sofferenza saliranno nonostante la massiccia azione del sistema bancario centrale.

Gli stati preferiranno seguire la rotta del Giappone: più debito, più salvataggi e massiccia spesa pubblica. Tuttavia ciò porterà solo alla stagnazione ed a squilibri perpetui impossibili da nascondere, soprattutto quando gli stessi errori commessi in Giappone emergeranno nella zona Euro, in Cina e negli Stati Uniti. Non vi è alcun modo in cui le grandi spese e le abbuffate di liquidità produrranno altro che debito più elevato, una crescita più debole e salari reali più bassi.

Per porre fine al problema delle imprese zombi e al rischio di ulteriori salvataggi, abbiamo bisogno di un mercato più aperto, meno burocrazia e meccanismi di ristrutturazione più flessibili. Qualsiasi altra cosa produrrà semplicemente stagnazione.

Di Daniel Lacalle

Traduzione di Francesco Simoncelli

Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online