Italia markets close in 1 hour 55 minutes
  • FTSE MIB

    24.335,28
    +173,90 (+0,72%)
     
  • Dow Jones

    34.025,47
    -111,84 (-0,33%)
     
  • Nasdaq

    13.951,54
    +1,32 (+0,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.188,17
    +679,62 (+2,38%)
     
  • Petrolio

    61,84
    +0,49 (+0,80%)
     
  • BTC-EUR

    45.847,76
    -465,93 (-1,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.284,69
    +41,64 (+3,35%)
     
  • Oro

    1.783,00
    -10,10 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2031
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.165,94
    -7,48 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    28.755,34
    +133,42 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.007,85
    +31,44 (+0,79%)
     
  • EUR/GBP

    0,8679
    +0,0040 (+0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,1030
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5044
    +0,0003 (+0,02%)
     

Le Borse europee ancora in rialzo con i futures di Wall Street su nuovi record

Antonio Cardarelli
·3 minuto per la lettura
Le Borse europee ancora in rialzo con i futures di Wall Street su nuovi record
Le Borse europee ancora in rialzo con i futures di Wall Street su nuovi record

Partenza positiva per i listini europei dopo i nuovi massimi dell’S&P 500, spinto dai verbali della Fed ancora intenzionata a mantenere una politica accomodante a lungo

Avvio di seduta con il segno più per i principali listini europei, trascinati dall’ottimismo di Wall Street. Il FTSE MIB di Milano apre con un rialzo dello 0,4% insieme al DAX tedesco e al CAC 40 di Parigi. Bene anche Londra (+0,3%) e Madrid (+0,1%)

LA FED SPINGE WALL STREET

Negli Stati Uniti la fiducia per una ripresa più forte del previsto ha spinto l’indice S&P 500 verso una nuova chiusura record (+0,15%) la diciottesima da inizio anno. In leggero rialzo anche il Dow Jones (+0,05%) mentre il Nasdaq ha chiuso poco sotto la parità (-0,07%). Oltre a ricevere notizie positive dai dati sull’occupazione e dalle previsioni di crescita del Fondo Monetario Internazionale, Wall Street ha incassato positivamente anche i verbali dell’ultima riunione del Fomc. Secondo il braccio monetario della Fed, c’è necessità di una politica accomodante finché non verranno raggiunti gli obiettivi di piena occupazione e inflazione intorno al 2%. Buone notizie, per il mercato Usa e non solo, anche dal rendimento del Treasury decennale tornato in area 1,66%.

DIMON (JPMORGAN): BOOM PER L’ECONOMIA USA

Dagli Usa rimbalza anche l’autorevole parere di Jamie Dimon, Ceo di JpMorgan, che nella lettera agli azionisti ha detto di essere fiducioso sul futuro dell’economia Usa e di “non avere dubbi che con i risparmi in eccesso, nuovi stimoli, enormi spese in deficit, più Qe, un nuovo potenziale piano infrastrutturale, una campagna vaccinale di successo e l'euforia per la fine della pandemia, l'economia degli Stati Uniti vivrà un probabile boom, che potrebbe estendersi fino al 2023". La crescita dei titoli delle compagnie aeree e crocieristiche, registrata ieri a Wall Street, sembra dare ragione al Ceo di JpMorgan.

IN EUROPA OCCHI SU ASTRAZENECA

Nella mattinata europea i futures di Wall Street sono ancora ben intonati, con l’S&P 500 che segna +0,4%. Sulle Borse asiatiche chiusura in rosso per Tokyo (-0,07%) mentre l’Hang Seng di Hong Kong, a poco dalla chiusura, è in rialzo di oltre un punto e mezzo percentuale. Shanghai viaggia poco sopra la parità. Tornando invece all’Europea, l’attenzione è sempre concentrata sulla campagna vaccinale e su AstraZeneca. Ieri l’Ema ha dichiarato che ci sono forti legami tra alcuni casi – estremamente rari - di trombosi e la somministrazione del siero AstraZeneca confermando, però, il giudizio nettamente positivo sul rapporto rischi-benefici. L’Italia ha deciso di raccomandare la somministrazione del vaccino AstraZeneca per gli over 60.

BENE L’INDUSTRIA TEDESCA A FEBBRAIO

Per i mercati europei notizie positive dagli ordini dell’industria tedesca, saliti dell’1,2% a febbraio rispetto al mese precedente. Tra le materie prime il petrolio Wti cede lo 0,6% a 59,3 dollari al barile e il Brent segna il -0,6% a 62,7 dollari al barile. L'oro guadagna lo 0,14% a 1.744 dollari l'oncia.