Italia markets open in 8 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2151
    -0,0024 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    26.664,21
    -825,52 (-3,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    653,79
    -23,11 (-3,41%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Borse europee di nuovo in positivo, occhi puntati sul voto in Georgia

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
Borse europee di nuovo in positivo, occhi puntati sul voto in Georgia
Borse europee di nuovo in positivo, occhi puntati sul voto in Georgia

I democratici potrebbero conquistare i due seggi in palio, facendo sfumare l’ipotesi del “governo diviso”. L'accordo in sede Opec+ riporta il petrolio Wti sopra i 50 dollari: non succedeva da febbraio

Partenza in positivo per le Borse europee nonostante l’incertezza derivante dall’esito del voto per il Senato Usa e i rischi di nuovi lockdown. Piazza Affari apre con rialzi superiori al mezzo punto percentuale, bene anche Francoforte (+0,3%) e Parigi (+0,5%). In evidenza anche Londra (+0,8%) e Madrid, con l’IBEX 35 che apre la seduta con rialzi superiori al punto percentuale.

IL GOVERNO DIVISO RISCHIA DI SFUMARE

L’andamento della campagna di vaccinazione e i timori di nuovi possibili lockdown continuano ad attirare l’attenzione degli investitori europei, che ora però stanno seguendo con attenzione l’evolversi delle elezioni per il Senato in Georgia. Sono due i seggi in palio, con i democratici che in caso di vittoria di entrambi raggiungerebbero la parità in aula dando così la possibilità alla vicepresidente Kamala Harris di avere il voto decisivo. Un’eventualità, questa, che farebbe venire meno l’ipotesi del “governo diviso” (con Camera democratica e Senato repubblicano) che era stata accolta con favore dai mercati.

ASIA MISTA

Al momento è in corso un serrato testa a testa per i due seggi, anche se il reverendo Raphael Warnock, del Partito democratico, sembra essere in vantaggio sulla rivale Kelly Loeffler. Ancora più stretto, invece, il margine che divide il democratico Jon Ossoff da David Perdue. L’incertezza sull’esito elettorale ha trascinato ancora una volta al ribasso Tokyo, con l’indice Nikkei 225 che ha perso lo 0,38%. In area positiva, invece, le Borse dell’area cinese con Shanghai a +0,63% e l’Hang Seng di Hong Kong a +0,17% a poche ore dalla chiusura. Al momento, dunque, il calo dell’indice pmi cinese Caixin non sembra preoccupare i mercati asiatici.

FUTURES DEL NASDAQ IN ROSSO

L’incertezza per il voto americano ha invece spinto al ribasso i futures dei principali indici di Wall Street. Male, in particolare, l’indice Nasdaq (-1,7%) che comprende le aziende tecnologiche che potrebbero subire gli effetti di una tassazione più alta imposta da un governo Biden sostenuto da Camera e Senato.

PETROLIO WTI SOPRA I 50 DOLLARI

Altro dato rilevante nella giornata di oggi è il ritorno del prezzo del petrolio Wti sopra i 50 dollari al barile, una quota che non si vedeva dallo scorso febbraio. Un rialzo che ha coinvolto anche il Brent (a 53,8 dollari al barile) dovuto principalmente all’accordo per il rinnovo dei tagli di produzione raggiunto in sede Opec+. Oro in leggero calo a 1.953 dollari l’oncia.