Italia Markets open in 7 hrs 14 mins
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.651,47
    -170,82 (-0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,2140
    -0,0004 (-0,0364%)
     
  • BTC-EUR

    26.845,89
    +11,41 (+0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    659,07
    -17,83 (-2,63%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Le Borse europee proseguono il recupero

Antonio Cardarelli
·3 minuto per la lettura
Le Borse europee proseguono il recupero
Le Borse europee proseguono il recupero

La decisione di Trump di congelare il nuovo piano di stimoli da 900 miliardi di dollari non spaventa i listini Ue, che partono in rialzo nell’ultima seduta prima delle festività

Nell’ultima seduta prima della pausa natalizia le Borse europee tentano di proseguire il recupero avviato ieri. Bene, in avvio, Piazza Affari e Francoforte, con gli indici FTSE MIB e DAX in area +0,6%. Guadagnano circa mezzo punto percentuale Madrid e Parigi, mentre in avvio fatica Londra, che rimane poco sotto la parità. In avvio, a Piazza Affari, spicca il -2,3% della Juventus dopo la sconfitta di ieri contro la Fiorentina e l'accoglimento del ricorso del Napoli, costato tre punti alla Juve in attesa di rigiocare la partita.

LO STOP DI TRUMP

A poche settimane dall’avvicendamento alla Casa Bianca a favore di Joe Biden, Donald Trump torna protagonista sulla scena politica americana e blocca il piano di stimolo da 900 miliardi di dollari. Il presidente Usa ha definito “ridicoli” i 600 euro previsti dal piano a sostegno dei cittadini, dichiarando di volerli portare fino a 2000 dollari. Al momento, dunque, l’accordo siglato tra Democratici e Repubblicani dopo mesi di trattative tornerà al Congresso per un nuovo esame.

FUTURES DI WALL STREET DEBOLI

Lo stop imposto da Donald Trump ha appesantito i futures degli indici di Wall Street. Dopo una seduta, quella di martedì, già debole per Dow Jones e S&P 500 (che hanno chiuso rispettivamente a -0,67% e -0,21%) a causa di dati macro contrastanti i futures, nella mattinata europea, stazionano poco sopra la parità. Il solo Nasdaq, l’indice tecnologico, continua la sua corsa con la chiusura di martedì a +0,51%.

EUROPA CONCENTRATA SUI VACCINI

In Europa i mercati seguono l’evolversi dell’approvazione del piano di stimoli Usa, ma gli occhi sono puntati sull’evolversi della variante inglese del Covid-19 e sull’andamento della campagna di vaccinazioni. Preoccupa la situazione nel Regno Unito, alle prese con un nuovo pesante lockdown e con il rischio di un blocco commerciale a causa di un mancato accordo per la Brexit. Attesa, a livello continentale, per il Vaccine Day del 27 dicembre con i primi vaccinati nei Paesi dell’Unione europea. In Italia si partirà da un’infermiera e due medici dell’ospedale Spallanzani di Roma. Secondo le dichiarazioni di Pfizer e Moderna, i vaccini probabilmente saranno efficaci anche su questa nuova “variante inglese” del virus.

ASIA E MATERIE PRIME

Bene, invece, le Borse asiatiche che non sembrano spaventate dalla mossa di Trump sul piano di stimoli. Il Nikkei 225 di Tokyo ha chiuso con un rialzo dello 0,33% mentre Hang Seng di Hong Kong e Shanghai viaggiano verso una chiusura in area +0,7%. Per quanto riguarda le materie prime, continua a scendere il petrolio. Il Wti perde l'1,17% (46,47 dollari al barile) e il Brent segna -1,16% (49,5 dollari al barile). Poco mosso l'oro, che si attesta a 1.896 dollari l'oncia con un calo dello 0,037%. Spread Btp/Bund a 111 punti base. Il dollaro perde ancora terreno rispetto all’euro e il cambio euro/dollaro Usa raggiunge 1,2186.