Italia markets close in 2 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    17.957,77
    +85,49 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    26.531,38
    -127,73 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    11.040,00
    -145,56 (-1,30%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,75
    -0,42 (-1,16%)
     
  • BTC-EUR

    11.342,83
    -45,04 (-0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,45
    -4,18 (-1,59%)
     
  • Oro

    1.887,30
    +19,30 (+1,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1686
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    3.288,68
    -21,43 (-0,65%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.966,28
    +6,25 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,9007
    -0,0025 (-0,27%)
     
  • EUR/CHF

    1,0692
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5543
    -0,0007 (-0,05%)
     

Le Borse europee provano a rimbalzare

Fabrizio Arnhold
·2 minuti per la lettura
Le Borse europee provano a rimbalzare
Le Borse europee provano a rimbalzare

Avvio in rialzo per i listini del Vecchio Continente che tentano di lasciarsi alle spalle i timori per l’aumento di contagi da coronavirus. Petrolio in calo, scende lo spread

Le Borse europee aprono in positivo, cercando di mettere da parte i timori di nuovi contagi e conseguenti lockdown. Milano in avvio di contrattazioni segna +0,81%, Francoforte +0,71%, Parigi +1,52%, Madrid +0,87% e Londra +0,98%. La Borsa di Tokyo chiude la sessione odierna in calo, con l’indice Nikkei a -0,41%.

TIMORI PER NUOVI LOCKDOWN

Il governatore della Campania De Luca ha disposto la chiusura delle scuole, il Lombardia l’indice di contagio sale e sono allo studio nuove possibili restrizioni. Anche se il premier Conte ha precisato: “Non mi aspetto un lockdown a Milano”. Aumentano, quindi, i dubbi degli investitori su eventuali conseguenze economiche di nuovi blocchi. In Europa, intanto, record di casi in Belgio e Olanda.

PIANO DI AIUTIO USA IN STALLO

Non si sblocca la situazione negli Stati Uniti, con Democratici e Repubblicani che continuano a non trovare la quadra per il maxi-piano di stimoli che, è l’auspicio dei mercati, potrebbe vedere la luce già prima delle elezioni per la Casa Bianca, in programma il 3 novembre. Ieri Wall Street ha limitato i danni, chiudendo in lieve calo, con l’indice S&P 500 a -0,15%, il Down Jones sulla parità (-0,07%) e il Nasdaq a -0,47%.

PETROLIO DEBOLE, SPREAD IN CALO

In calo le quotazioni del greggio che risentono del clima di grande incertezza, con il Wti novembre che viene scambiato a 40,56 dollari al barile (-0,98%), mentre il Brent con scadenza a dicembre viene scambiato a 42,69 dollari al barile, registrando un calo dell’1,09%. Lo spread all’apertura degli scambi si attesta a 129 punti base, in calo rispetto ai 132 pb della chiusura di ieri.