Italia markets closed

Le Borse europee resistono anche alle violenze negli Usa

Fabrizio Arnhold
Le Borse europee resistono anche alle violenze negli Usa

Gli investitori attendono la riunione di giovedì della Bce che dovrebbe annunciare un aumento delle misure pandemiche. Continuano gli scontri negli Usa, con Trump che minaccia l’uso dell’esercito. In salita il prezzo del petrolio

Apertura ancora in positivo per le Borse europee, dopo i rialzi di ieri. Piazza Affari in avvio di contrattazioni segna +0,37%, sopra la parità anche il Dax di Francoforte (+2,31%), in rialzo Londra (+0,29%), Madrid (+0,35%) e Parigi (+0,70%). L’attenzione degli investitori è puntata alla riunione della Bce in programma giovedì e sul dato della disoccupazione Usa di maggio, atteso per venerdì. Negli Stati Uniti, intanto, proseguono le proteste dopo l’uccisone di George Floyd: il presidente Trump ha minacciato l’uso dell’esercito. Gli indici asiatici proseguono verso una chiusura in rialzo, spinti dall’ottimismo per una ripresa più veloce di quanto ipotizzato, Tokyo ha guadagnato l’1,19%,

NON SI FERMANO LE PROTESTE NEGLI USA

Le tensioni sociali continuano ad infiammare gli Stati Uniti: due persone sono rimaste uccise durante i disordini a Chicago, oltre 60 arresti. Violente proteste anche a New York, dove si sono verificati episodi di vandalismi e saccheggi, come a Dallas, Atlanta, Los Angeles e a Buffalo; ad Oakland, in California, la polizia ha eseguito arresti di massa. Donald Trump ha minacciato l’uso dell’esercito se i vari Stati non dovessero riuscire a riportare l’ordine. La prospettiva preoccupa anche Wall Street, dove i future sono leggermente sotto la parità, dopo i poderosi recuperi di aprile e maggio.

IN ATTESA DELLA BCE

In Europa sale l’attesa per la riunione della Bce, in programma giovedì. Gli investitori si attendono molto dal meeting, con un aumento delle misure pandemiche. Francoforte potrebbe annunciare un aumento di acquisti pandemici di titoli (Pepp) di 500 miliardi, che andrebbero ad aggiungersi ai 750 già decisi. La Bce potrebbe anche decidere di reinvestire i proventi derivanti dagli acquisti con il piano Pepp, quando arriveranno a scadenza. Questa soluzione oggi non è prevista, con magari la possibilità di estendere il Pepp oltre la scadenza di dicembre 2020, allargando anche la lista dei titoli “spazzatura”.

Wall Street resiste alle violenze e ai teppisti

Wall Street resiste alle violenze e ai teppisti

PETROLIO IN RIALZO, SPREAD STABILE

Il prezzo del greggio torna a segnare aumenti, con il Wti luglio scambiato a 35,6 dollari al barile (+0,6%); mentre il Brent luglio sale del +0,8%, portandosi a 38,6 dollari al barile. Lo spread è stabile, in area 191 punti base, poco mosso rispetto alla chiusura di ieri (190 pb). Il rendimento del Btp decennale è fermo all1,50%.