I mercati italiani sono chiusi

Le buste paga dei settori non agricoli e la diichiarazione dei tassi della BoC guidano il dollaro e il Looney

Bob Mason
È un giorno importante per il Loonie, con la Bank of Canada che si aspetta un mantenimento nel primo trimestre del prossimo anno, che potrebbe vedere uno spostamento del Loonie, con le buste paga dei settori non agricoli ADP dagli Stati Uniti che guidano il Dollaro. Capitol Hill rimane una considerazione chiave per il dollaro come Bruxelles e 10 Downing Street per la sterlina.

Questa mattina:

I dati macroeconomici durante la sessione asiatica di questa mattina sono stati più deboli e si sono limitati ai dati sul PIL del 3 ° trimestre in Australia. Di trimestre in trimestre, l’economia è cresciuta dello 0,6%, non raggiungendo lo 0,7% previsto, dopo la crescita del 0,9% rivisto in rialzo del secondo trimestre. Di anno in anno, le cose erano un pò più appetibili, con l’economia in crescita del 2,8%, rispetto all’1,8%, pur rimanendo al di sotto del previsto 3%.

Il dollaro australiano è scivolato da 0,75846$ a 0,75760$ dopo il rilascio dei dati, che non erano del tutto allineati con le prospettive più ottimistiche della RBA sull’economia australiana nella dichiarazione di martedì. La spesa delle famiglie ha ancorato la crescita, aumentando di appena lo 0,1%. Tali livelli non sono stati visti dopo la crisi finanziaria globale. Con i tassi di interesse ai minimi storici, gli effetti dell’innalzamento del debito delle famiglie sui risparmi delle famiglie e sui tassi di spesa si sono fatti sentire nel terzo trimestre. L’inflazione potrebbe trascinarsi, ma fino a quando la crescita dei salari non riprende e comincia a superare il tasso di crescita del debito delle famiglie, c’è poco che la RBA può fare.

Con poco altro per i mercati da prendere in considerazione e dopo il calo dei mercati azionari statunitensi di martedì, è stata una sessione rischiosa. Lo yen era in rialzo dello 0,39% a 112,16¥ rispetto al dollaro al momento della scrittura, con il dollaro australiano in ribasso dello 0,38% a 0,7578 $.

Il Dollaro Kiwi è riuscito a frenare la tendenza, in rialzo dello 0,39% a 0,6903$ al momento della scrittura, supportato dall’aumento dei prezzi del latte in Nuova Zelanda. L’indice dei prezzi commerciali di GlobalDairy è aumentato dello 0,4% secondo i dati diffusi martedì sera, portando alla fine di quattro ribassi consecutivi.

Guardando i mercati azionari, vediamo del rosso. I titoli tecnologici hanno continuato a perdere, con i mercati asiatici che hanno preso spunti dagli Stati Uniti, con il ribasso dei prezzi delle materie prime che ha aumentato la pressione sulle azioni minerarie durante la sessione. L’Hang Seng era in ribasso dell’1,44%, mentre il Nikkei e l’ASX200 chiudono la giornata in ribasso rispettivamente dell’1,97% e dello 0,44%. Le speranze di una ripresa dei mercati cinesi si sono invertite, con il CSI300 in ribasso dello 0,61%, sebbene sia l’Hang Seng che il CSI300 abbiano recuperato parte delle perdite precedenti. Ci sono state molte discussioni sulle valutazioni in tutti i mercati asiatici, ma mentre il rischio normativo continua a condizionare l’appetito per le azioni della Cina e di Hong Kong, le valutazioni continueranno ad essere le seconde migliori fino ad ora.

Per il resto della giornata:

È una giornata relativamente tranquilla sul fronte dei dati per l’Eurozona. I dati economici sono limitati agli ordini di fabbrica di ottobre in Germania, che dovrebbero essere negativi per l’euro, sebbene l’impatto sull’euro possa essere relativamente attenuato se l’avversione al rischio della sessione asiatica dovesse attraversare la sessione europea. I mercati dei future per i principali indici non stanno dipingendo un quadro roseo per la giornata, con l’oro che trova un supporto necessario, Gold Spot era in rialzo dello 0,15% a 1,267,46$ al momento della scrittura, con l’euro in rialzo dello 0,05% a 1,1832$.

Per la Sterlina, in assenza di dati economici rilevanti da prendere in considerazione dalla Gran Bretagna, è probabile che l’unico sostegno derivi da un’ulteriore debolezza del dollaro durante la sessione europea. Le preoccupazioni per la Brexit e la capacità del governo britannico di negoziare per l’uscita della Gran Bretagna dall’UE hanno preso una brutta piega questa settimana e la Sterlina ne ha pagato il prezzo. La pressione è ora sul primo ministro britannico per far avanzare i negoziati in vista della riunione del Consiglio europeo di due giorni che prende il via il 14 dicembre.

Theresa May rimane in una posizione precaria rispetto a ieri. L’incapacità di avviare trattative sul mercato rischia di riaccendere i problemi politici che il primo ministro britannico ha tentato di eliminare nelle ultime settimane.

Al momento della scrittura, la sterlina era in ribasso dello 0,14% a 1,3424$, con la direzione legata alle chiacchiere sulla Brexit.

Oltreoceano, le cose si fanno un pò più interessanti questo pomeriggio. Dagli Stati Uniti, i mercati avranno una percezione della direzione del mercato del lavoro, con i dati sulle buste paga dei settori non agricoli ADP di novembre. Le previsioni sono per un aumento di 185K posti di lavoro, o minimo di 180K che probabilmente aumenterà la pressione sul Dollaro. Anche i numeri di ottobre dovranno essere osservati attentamente, con eventuali revisioni in ribasso anche esse negative. Altre statistiche degli Stati Uniti includono la 2a stima del 3 ° trimestre della produttività non agricola e dei costi unitari del costo del lavoro. Si prevede che i costi unitari del lavoro siano rivisti in ribasso, il che probabilmente avrà un impatto maggiore sul dollaro rispetto a qualsiasi revisione in rialzo dei dati di produttività di questo pomeriggio. Ci aspetteremo che i numeri ADP siano il fattore che chiave che guidi il dollaro, anche se i mercati dovranno rimanere vigili, con qualsiasi chiacchierata da Capitol Hill in grado di spostare il sentimento durante la sessione degli Stati Uniti.

Per il Loonie, tutta l’attenzione sarà sulla decisione sul tasso di interesse della Bank of Canada. Poche persone si aspettano un rialzo dei tassi questo pomeriggio, ma qualsiasi accenno a una mossa a breve termine potrebbe fornire un’ulteriore spinta al Loonie. Abbiamo visto il Dollaro canadese riprendersi bene dal dollaro degli Stati Uniti dall’ultima decisione sui tassi di interesse, che ha portato il Loonie a toccare il minimo di novembre a 1.2897$ alla fine di novembre. Una ripresa dei prezzi del petrolio ha sicuramente contribuito nelle ultime settimane.

Al momento della scrittura, il dollaro canadese era in rialzo dello 0.04% a 1.266 $, con il Dollar Spot Index in ribasso dello 0.12% a 93.269, recuperando da un minimo intraday a 93.171. Mentre la dichiarazione della BoC sarà un fattore chiave per il dollaro canadese. Qualunque sentimento accomodante nella dichiarazione potrebbe far muovere il Loonie per vedere la coppia USD / CAD tornare ai livelli di 1,28$. Statistiche recenti dal Canada hanno suggerito che la BoC potrebbe cercare di prendere del tempo per aumentare ulteriormente i tassi. La mossa del dollaro americano in vista della sessione degli Stati Uniti dipenderà dal sentimento di rischio, con il dollaro nelle mani dell’euro.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: