Italia markets close in 2 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    24.156,12
    -51,30 (-0,21%)
     
  • Dow Jones

    33.781,48
    +183,56 (+0,55%)
     
  • Nasdaq

    11.082,00
    +123,45 (+1,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.901,01
    +326,58 (+1,18%)
     
  • Petrolio

    72,08
    +0,62 (+0,87%)
     
  • BTC-EUR

    16.260,77
    +161,17 (+1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,06
    +9,37 (+2,37%)
     
  • Oro

    1.807,00
    +5,50 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0546
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    3.963,51
    +29,59 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    19.900,87
    +450,64 (+2,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.940,04
    +18,77 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8597
    -0,0028 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    0,9854
    -0,0030 (-0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,4396
    +0,0051 (+0,36%)
     

Le rilevazioni dicono che l'ex presidente socialista sopravanza il capo dello stato uscente

Jair Bolsonaro e Ignacio Lula
Jair Bolsonaro e Ignacio Lula

Urne aperte oggi, domenica 2 ottobre, per le elezioni presidenziali in Brasile e nei sondaggi Luiz Lula è in testa avanti a Jair Bolsonaro. Le ultime rilevazioni rima dell’avvio effettivo delle operazioni di voto nell’immenso paese sudamericano dicono che l’ex presidente socialista sopravanza il capo dello stato uscente.

Lula in testa davanti a Bolsonaro

Luiz Ignacio Lula Da Silva è ormai alla sua sesta corsa per Brasilia e il leader del centrosinistra “sfiora il 50% dei consensi e stacca il rivale di almeno 17 punti”. Insomma, il dato oggettivo è che Lula potrebbe evitare addirittura il ballottaggio e vincere subito contro il rivale. C’è però un’incognita: quella dell’astensione. Lo scopo netto del Partido dos trabhladores e di Lula è vincere quindi al primo turno e trasformare quei sondaggi in realtà e ribaltone politico.

Quel 15% che può decidere tutto

I media spiegano che negli ambienti del centrosinistra c’è fermento. Tuttavia chi è proprio il più cauto di tutti è lo stesso “Lula”, come lo chiamano ammiratori e oppositori. Lui non si fida di quel 15% di elettori che “non avrebbe intenzione di andare alle urne”. Perché? Perché si tratta per lo più dei suoi elettori, i cittadini delle classi meno abbienti.