Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.912,44
    +151,39 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.128,05
    +80,87 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    87,85
    -4,24 (-4,60%)
     
  • BTC-EUR

    23.685,71
    -452,50 (-1,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,41
    -19,35 (-3,28%)
     
  • Oro

    1.795,10
    -20,40 (-1,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0164
    -0,0094 (-0,91%)
     
  • S&P 500

    4.297,14
    +16,99 (+0,40%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8428
    -0,0028 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    0,9611
    -0,0044 (-0,45%)
     
  • EUR/CAD

    1,3105
    +0,0004 (+0,03%)
     

Lega: prevenire danni peste suina, agire con immediatezza

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 gen. (askanews) - La Lega chiede al Governo di intervenire "con immediatezza ed attuare tutte le misure necessarie per il monitoraggio ed il contenimento della peste suina, che purtroppo circola con il proliferare incontrollato della fauna selvatica". Così in una nota i senatori della Lega firmatari dell'interrogazione in commissione Agricoltura Giorgio Maria Bergesio (capogruppo), Gianpaolo Vallardi (presidente), Francesco Bruzzone, Gianfranco Rufa, Cristiano Zuliani, Nadia Pizzol.

Gli ultimi casi accertati di peste suina sono un segnale "da non trascurare ed occorre agire in fretta per tutelare non solo il settore suinicolo italiano, che vanta un fatturato importante di circa 11 miliardi frutto del lavoro di 25.000 di aziende agricole, ma soprattutto prevenire un serio danno di immagine per il nostro Paese ed eventuali speculazioni di concorrenti esteri".

Il rischio non è certamente legato alla salute, vista l'impossibilità del contagio per l'uomo e gli animali domestici, ma è chiaro che si tratta di una grave malattia altamente trasmissibile tra i suini che può danneggiare seriamente un settore altamente competitivo. "Chiediamo quindi di conoscere i piani dell'esecutivo su questo fronte - concludono - e se il Ministro ritenga, come noi riteniamo, urgente intervenire con ogni mezzo: rimuovendo prontamente tutti gli ostacoli che impediscono alle regioni di attuare i piani di contenimento dei cinghiali e riconoscendo i dovuti ristori ad agricoltori ed allevatori per i danni subiti. Intendiamo inoltre sapere se, anche alla luce delle risorse impiegate nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, non si intenda adottare un piano strategico di rilancio della zootecnia italiana, sostenendo la nascita di progetti di filiera che possano aumentare la competitività del comparto e contribuire alla crescita dell'economia del Paese".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli