Italia Markets open in 4 hrs 44 mins

Lego: essere creativi per "ricostruire il mondo" e trovare lavoro

Glv

Billund, 20 set. (askanews) - "Il 65% dei bambini che oggi sono alla scuola materna da grande avrà un lavoro che oggi non esiste". Roberto Marchesi, senior creative manager della Lego, sceglie questa immagine per parlare di "Rebuild the World" (ricostruire il mondo), la nuova campagna di comunicazione del gruppo danese. Un'azienda che in un mondo sempre più digitale, tra internet e videogame, continua a credere fortemente nei mattoncini colorati. Perchè le costruzioni non sono soltanto un gioco, ma accendono l'immaginazione ed educano al problem-solving. "Attraverso il gioco - sottolinea Marchesi - vogliamo ispirare i bambini che costruiranno il futuro. Usare i mattoncini per sviluppare la creatività".

Nella Lego House di Billund, la cittadina sede dell'azienda da oltre un secolo, è stata presentata la nuova brand campaign pensata per "coltivare le capacità creative" dei bambini. "Vogliamo favorire la capacità di risolvere i problemi", spiega Marchesi, un creativo nato a Tirano in Valtellina, che vive in Danimarca da 25 anni. "Viviamo in un'epoca molto interessante di grandi cambiamenti - sottolinea il manager - e per la Lego internet, i videogame sono una sfida ma anche una benedizione. Con i mattoncini si possono fare tante cose e vogliamo dare ai bambini gli strumenti per essere creativi passando dai giocattoli al digitale, e viceversa".

Dal 2020, secondo il World Economic Forum, la capacità di problem-solving sarà tra le prime tre competenze richieste dal mercato del lavoro. "Il gioco - sostiene Jamie Berard, design manager della Lego - è cruciale per la crescita dei bambini e il successo da adulti. E non pensiamo solo ai bambini, perchè oggi sempre più adulti usano i Lego per 'disconnettersi' dal mondo, magari per allentare lo stress dopo una giornata di lavoro: stimolano la creatività mettendo insieme i mattoncini".

Se "l'immaginazione al potere" era uno degli slogan preferiti degli studenti del '68, "potere all'immaginazione" potrebbe essere il leitmotiv della Lego di Rebuild the World. "Vogliamo incoraggiare i bambini a essere il più creativi possibile - dice il vicepresidente per il design Matthew Ashton - perchè quando sono molto piccoli sono curiosi e ricchi di immaginazione".

"Creatività - aggiunge Ashton - significa seguire le istruzioni per costruire un'astronave o creare qualcosa di completamente diverso assemblando i pezzi: alla fine il risultato è lo stesso. E vogliamo spingerli a essere creativi per tutta la vita. Non siamo in competizione con i videogame, vogliamo mettere i mattoncini insieme con il mondo digitale: i bambini non percepiscono il mondo fisico e quello digitale come due mondi separati".