Italia Markets closed

Lego lancia Rebuild the World, obiettivo coltivare la creatività

Glv

Billund (Danimarca), 17 set. (askanews) - La Lego lancia "Rebuild the World" (ricostruire il mondo), una campagna di comunicazione per "coltivare le capacità creative delle generazioni future". Nella Lego House di Billund, cittadina danese dove ha sede il colosso dei giocattoli, più di 100 bambini da tutto il mondo hanno incontrato il musicista Mark Ronson e altri creativi come David Aguilar, un 19enne che ha realizzato diverse protesi per il suo braccio usando i mattoncini colorati. Una giornata di workshop e giochi "per esplorare il potenziale infinito della creatività" e "ricostruire il mondo intorno a loro".

"Tutta la mia carriera - ha affermato Ronson - è caratterizzata dal lavorare con persone brillanti e creative, per scoprire dove ci porta l'immaginazione. Rebuild the World è una meravigliosa opportunità per dare ispirazione alla prossima generazione di creativi che proporranno le loro idee per modellare il futuro, dalla maniera in cui viviamo alla musica che ascoltiamo".

Il gruppo danese è convinto che ogni bambino sia nato "con incredibili capacità creative di risoluzione dei problemi, ma è necessario agire per coltivare quella creatività in modo che possa diventare un'abilità permanente". Perchè incoraggiare la creatività è un tema "cruciale e urgente". Secondo il rapporto sul futuro del lavoro del World Economic Forum, infatti, dal 2020 la capacità di problem-solving sarà tra le prime tre competenze richieste dal mercato del lavoro. E giocare con la fantasia "aiuta i bambini a imparare a innovare, risolvere i problemi e pensare in modo critico per tutta la vita".

"Rebuild the World - ha spiegato Julia Goldin, chief marketing officer della Lego - significa scoprire dove ci porta l'immaginazione e celebrare la naturale creatività dei bambini. Vogliamo incoraggiare i bambini di tutto il mondo a sviluppare e conservare queste abilità man mano che crescono. Con questa campagna, vogliamo ispirare le persone di tutte le età a giocare e liberare la loro creatività per creare un mondo di infinite possibilità".

Nella Lego House è arrivato anche Dominic Wilcox, inventore e designer britannico, che ha guidato una serie di seminari per imparare a "ricostruire". Insieme ad altri due creativi ha giocato con i bambini a reimmaginare i punti di riferimento classici, inventare nuovi gadget e risolvere i problemi quotidiani, sempre con i mattoncini. "Chissà - ha detto Wilcox - cosa viene fuori oggi... una casa con una mongolfiera come tetto? Un'auto con le gambe lunghe per saltare oltre il traffico? Nessuno vede il mondo come un bambino, per questo siamo entusiasti di scoprire che cosa inventano".