Italia markets close in 3 hours
  • FTSE MIB

    24.676,67
    -9,00 (-0,04%)
     
  • Dow Jones

    34.395,01
    -194,76 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    11.482,45
    +14,45 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    82,04
    +0,82 (+1,01%)
     
  • BTC-EUR

    16.161,32
    -221,15 (-1,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,30
    -1,86 (-0,46%)
     
  • Oro

    1.813,50
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0539
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • S&P 500

    4.076,57
    -3,54 (-0,09%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.994,41
    +9,91 (+0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8583
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9844
    -0,0017 (-0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4129
    +0,0004 (+0,03%)
     

"L'Eroica", la gara ciclistica storica sulle strade della Toscana

Le strade bianche del Chianti e della Val d'Orcia sono la cornice dell'Eroica.
Un nome, un evento: maglie di lana e sudore, bici con telaio in acciaio e scarpe senza attacchi per i pedali. È il ciclismo epico, quello andato in scena in occasione della più importante gara ciclistica storica d'Italia, che ha compiuto 25 anni.

Per partecipare a L'Eroica la bicicletta deve essere stata costruita prima del 1987.
Ai nastri di partenza 8.200 corridori, 1.000 donne e 4.000 stranieri, che hanno scelto tra diversi percorsi, adatti a ogni livello di preparazione e allenamento: dal giro di 46 km tra i vigneti del Chianti, al duro percorso di 209 km, per chi riesce a resistere anche quindici ore in sella, partendo prima dell'alba e arrivando al traguardo di notte.

All'evento hanno anche partecipato collezionisti che, con barbe e baffi, cappelli e vestiti dei primi del '900, hanno guidato biciclette che sembrano impossibili da usare oggi.

I ciclisti hanno potuto scegliere tra diversi percorsi, adatti a ogni livello di preparazione e allenamento: dal giro di 46 km tra i vigneti del Chianti, al duro percorso di 209 km, per chi riesce a resistere anche quindici ore in sella, partendo prima dell'alba e arrivando al traguardo di notte.

Ma l'Eroica è soprattutto una festa, un tuffo nel passato prossimo e remoto, nelle cronache di Brera e nei trionfi di Coppi e Bartali, presente - quest'ultimo - con la maglia gialla del Tour de France, vinto nel 1948. Una full immersion nella storia per chi ha tagliato il traguardo in volata o in affanno, il risultato non conta.