Italia markets open in 33 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1937
    +0,0018 (+0,16%)
     
  • BTC-EUR

    14.966,75
    -120,82 (-0,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    348,16
    -22,36 (-6,03%)
     
  • HANG SENG

    26.753,82
    +84,07 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

L'esperto: "Integrazione filiere è strategia politica industriale"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Parlare di integrazione delle filiere vuole dire parlare di una strategia di politica industriale. Bisogna ritrovare il senso che per rilanciare l'Italia e l'Europa bisogna tornare a parlare di manifattura e di industria, parlare di capacità di organizzare un pensiero che permetta di rilanciare tutta l'Europa e che permetta di avere una nuova generazione di sviluppo, prodotti e processi, ma soprattutto una nuova generazione di mentalità". A dirlo Patrizio Bianchi docente di Economia applicata all'università di Ferrara, intervenendo all'incontro 'Le filiere integrate per il rilancio del Paese', organizzato in collaborazione con The European House - Ambrosetti, il piano di Philip Morris Italia per l'apertura in Italia del nuovo Digital information service center (Disc), nella città di Taranto.

"Quando parliamo di filiera produttiva - spiega - intendiamo la sequenza delle lavorazioni, cioè cosa viene fatto prima e cosa dopo e, quindi, la necessità di disegnare tutto un percorso in cui i prodotti vengono trasformati; in cui la foglia di tabacco diventa progressivamente un'altra cosa fino ad essere portata alla disponibilità dei consumatori".

Quindi, sottolinea, "la filiera è un insieme strutturato in cui ognuno ha la propria specializzazione, ma l'efficienza salta fuori dalla capacità di legare queste diverse specializzazioni l'una con l'altra. Bisogna dunque tornare a parlare di industria e questo vuol dire parlare di persone".