Italia markets open in 8 hours 33 minutes
  • Dow Jones

    29.683,74
    +548,75 (+1,88%)
     
  • Nasdaq

    11.051,64
    +222,13 (+2,05%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9728
    +0,0130 (+1,35%)
     
  • BTC-EUR

    20.166,38
    +428,73 (+2,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    447,10
    +18,32 (+4,27%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.719,04
    +71,75 (+1,97%)
     

L'Europa brucia. Molti incendi sono dolosi

Un grande incendio nel nord-est della Spagna è cresciuto rapidamente durante la notte e domenica stava bruciando senza controllo, costringendo all'evacuazione di otto paesini e 1.500 persone nella provincia di Saragozza.

Il governo locale dell'Aragona ha affermato che la situazione è critica nella città di Añon de Moncayo e che la priorità per i 300 vigili del fuoco che combattono l'incendio è proteggere vite umane e villaggi.

L'incendio ha sviluppato un perimetro di 50 chilometri in meno di 24 ore. Coloro che sono fuggiti si sono rifugiati in tre diversi centri sportivi nei paesi vicini.

I vigili del fuoco hanno affermato che le prospettive di domare l'incendio dipendono dalle condizioni atmosferiche. Sono previste raffiche di vento fino a 60 chilometri nelle prossime ore.

In Portogallo, l'incendio scoppiato il 6 agosto a Serra da Estrela e che ha raggiunto diversi comuni era sotto controllo questo finesettimana. Ciononostante, secondo la Protezione civile, i lavori proseguiranno per la messa in sicurezza nei prossimi giorni ed evitare qualsiasi riaccensione.

Oltre 16mila ettari sono bruciati secondo il sistema di monitoraggio europeo Copernicus. Questo incendio è stato uno dei più lunghi incendi boschivi mai registrati in Portogallo.

A rischio un'area di un parco naturale, protetta dall'UNESCO. Una superficie di 2.216 chilometri quadrati.

Dice Sergio Costa, sindaco di Guarda: "Siamo più sereni rispetto agli ultimi sette giorni ma abbiamo ancora qualche perplessità. Ci aspettavamo già un'intensificazione dei venti ed è per questo che la presenza dei vigili del fuoco è molto importante ."

In Francia la diffusione del "fuoco mostruoso" in Gironda è stata interrotta, ma gli incendi infuriano ancora nel sud dell'esagono.

Nel frattempo le autorità testano un'unità di nuova creazione per rintracciare i piromani dall'aria, anche con droni e usare la prevenzione.

Dice Christophe Roque, comandante della brigata Soulac: "Il gruppo di vigilanza è di nuova creazione, è un dispositivo innovativo che è stato creato e messo a punto dal comandante regionale di recente, e questa è la sua prima missione in un contesto reale in risposta alle esigenze operative".

Anche in Francia oltre al caso e alla disattenzione molti degli incendi sono di origine dolosa. Le pene per i piromani sono state inasprite, ma sembra non bastare.