Italia Markets open in 27 mins

L'Europa ci aiuta

Angela Mauro
Italian Finance Minister Roberto Gualtieri and Portugal's Finance Minister President Mario Centeno, attend a eurozone finance ministers meeting in Brussels, Belgium November 7, 2019. REUTERS/Johanna Geron

La scelta è stata molto dibattuta, negata fino a un momento prima dell’inizio della riunione proprio dal presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno. Ma, a notte inoltrata, la decisione dei ministri dell’Economia dell’eurozona di rinviare l’ok definitivo alla riforma del Meccanismo europeo di stabilità è stato il bollino che mancava alla certificazione che sul Salva Stati in Italia il governo poteva cadere. Pur di non perderlo, Bruxelles stringe i denti, rimette in primo piano la stabilità finanziaria come valore supremo, superiore a qualsiasi trattativa, e aiuta Roma: sul Mes si lavorerà ancora, nessun accordo chiuso in vista la prossima settimana al Consiglio europeo. Si chiude invece questo ennesimo balletto di scontro tra Italia e Ue, ma resta la certezza di una maggioranza traballante nel Belpaese.

Nella conferenza stampa finale, convocata in mattinata perché ieri notte al palazzo Justus Lipsius erano rimasti solo i cronisti italiani ad aspettare, Centeno non fa mistero del peso che le incertezze italiane hanno avuto sull’esito della discussione. La prende larga, senza scontri diretti con un governo che, nonostante le ‘intemperanze’ di Lugi Di Maio, resta ‘amico’ di Bruxelles.

“Abbiamo un accordo di principio”, dice il presidente portoghese citando le esatte parole della lettera che poi invierà al presidente del Consiglio europeo Charles Michel per comunicare le conclusioni dell’Eurogruppo di dicembre. “Ma - continua - ora aspettiamo le procedure nazionali”, che per l’Italia vuol dire il dibattito con voto in aula l’11 dicembre, e poi sul Mes “dovremo ritornare a gennaio”, in una nuova riunione dell’Eurogruppo dove si cercherà la quadra sulle questioni che ancora non sono ‘allineate’, vale a dire come inquadrare la cosiddette ‘Cacs’, le clausole di azione collettiva che regolano la possibilità di uno Stato di rivalutare i propri titoli in caso di ristrutturazione del debito. Se metterle in un allegato,...

Continua a leggere su HuffPost