Italia markets close in 5 hours
  • FTSE MIB

    24.407,22
    -33,66 (-0,14%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,22
    +1,98 (+2,56%)
     
  • BTC-EUR

    15.921,19
    +178,44 (+1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,51
    +10,22 (+2,69%)
     
  • Oro

    1.768,40
    +13,10 (+0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,0376
    +0,0031 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.943,00
    +7,49 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8643
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9850
    +0,0037 (+0,37%)
     
  • EUR/CAD

    1,3945
    -0,0004 (-0,03%)
     

Levi (AIE) nominato presidente degli editori europei FEP

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 nov. (askanews) - Ricardo Franco Levi è stato nominato presidente della Federazione degli Editori Europei (FEP) dopo aver coperto negli ultimi due anni l'incarico di vicepresidente. Levi, che è presidente dell'Associazione Italiana Editori (AIE) dal 2017 e commissario straordinario del governo per la partecipazione dell'Italia come ospite d'onore a Francoforte 2024, succede a Peter Kraus vom Cleff e guiderà l'associazione nei prossimi due anni.

Come uno dei primi atti della sua presidenza, Levi ha partecipato a un incontro con le associazioni dei cartai e dei tipografi per discutere del problema degli approvvigionamenti della carta e dei costi in crescita, un'emergenza a livello europeo.

"La carta è un problema al centro delle preoccupazioni degli editori italiani e di tutti i Paesi europei e che chiama i governi nazionali e le istituzioni europee a intervenire - ha spiegato Levi -. La mia nomina, come quella degli italiani che mi hanno preceduto in questo incarico, tra cui mi piace ricordare Federico Motta e Ulrico Carlo Hoepli, è un riconoscimento all'importanza dell'editoria italiana, prima industria culturale nel Paese e quarta per dimensione del mercato in Europa. L'Europa è oggi il centro mondiale dell'editoria, sei dei primi dieci gruppi mondiali hanno sede qui, ed è significativo ricordare come continui a farne parte a pieno titolo anche il Regno Unito, indipendentemente dalla Brexit. La libertà, di espressione e di pubblicazione, insieme alla difesa del diritto d'autore, saranno al centro del mio mandato e per questo, oggi, il mio pensiero va prima di tutti ai colleghi ucraini e a Salman Rushdie".

La nomina di Levi, quinto italiano a coprire l'incarico, è avvenuta oggi durante l'assemblea della Federazione nata nel gennaio del 1967 come "Groupement des éditeurs de livres de la Communauté" e che oggi raccoglie 29 associazioni nazionali di editori in Europa presenti in 28 Paesi. L'Associazione degli Editori e Librai Ucraini, UPBA, è invitato speciale da marzo del 2022.

Secondo le ultime stime presentate alla Fiera Internazionale del libro di Francoforte, l'editoria europea vale 37-38 miliardi di euro di vendite l'anno. Le prime tre editorie del continente sono Germania, Regno Unito e Francia, l'Italia è il quarto mercato europeo con vendite annue pari a 3,429 miliardi di euro. Nel 2021 l'editoria europea è cresciuta del 6,5% rispetto l'anno precedente, quella italiana del 10,7%.