Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    46.132,25
    -5.139,70 (-10,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1021
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Liberate le studentesse rapite in Nigeria

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·1 minuto per la lettura
Le studentesse liberate in Nigeria (Photo: Mutawalle)
Le studentesse liberate in Nigeria (Photo: Mutawalle)

Sono state rilasciate le studentesse portate via la settimana scorsa da un commando di uomini armati da un college nel nord-ovest della Nigeria: lo ha riferito oggi Bello Mutawalle, il governatore dello Zamfara, lo Stato dove si era verificato il sequestro.

Fotografie delle giovani, velate secondo l’uso islamico, riunite nell’ufficio dell’amministratore nella capitale Gusau, sono state diffuse sui social network.

Secondo Mutawalle, per ottenere il rilascio delle giovani è stato intavolato un negoziato ma non è stato versato alcun riscatto. Una versione, questa sull’assenza di un pagamento di somme di denaro, in linea con la tendenza dei funzionari nigeriani a non rivelare dettagli o modalità rispetto alle liberazioni di persone sequestrate.

Venerdì, quando si era avuta notizia dell’assalto al college di Jangebe e del rapimento, si era detto della scomparsa di 317 giovani. Oggi è stato riferito di 297 ragazze liberate: tutte le liceali sarebbero però in salvo, perché alcune di loro erano riuscite a fuggire durante l’assalto del commando armato.

Su Twitter, accanto alle foto, Mutawalle ha scritto: “mi unisco a tutti i nigeriani di buona volontà nella gioia, le nostre figlie sono salve”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.