Italia markets open in 6 hours 44 minutes
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,94 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,38 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2142
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    45.739,28
    -2.524,18 (-5,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.463,19
    -98,10 (-6,28%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     

"L'influenza è sparita durante il Covid: cosa accadrà al suo ritorno?"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
- (Photo: Nuthawut Somsuk via Getty Images/iStockphoto)
- (Photo: Nuthawut Somsuk via Getty Images/iStockphoto)

L’inverno 2021 sarà ricordato come quello in cui l’influenza sparì. In Italia, da ottobre dello scorso anno, sono stati poco più di 2 milioni gli italiani colpiti dalla malattia stagionale, a fronte degli oltre 7 milioni della passata stagione. A darle scacco sembrerebbero essere state proprio le misure anti-Covid: distanziamento, mascherine e accuratezza nel lavaggio delle mani hanno svolto un duplice ruolo. Ma cosa accadrà quando la pandemia sarà finita e l’influenza tornerà?

Un approfondimento del New York Times cerca risposte. Anche negli Usa - sottolinea il giornale - la stagione influenzale sembra non essere mai davvero iniziata e i timori che una pericolosa twindemic (“alleanza” tra influenza e Covid-19) potesse abbattersi sul paese si sono presto dissolti. “Non sappiamo quando questo virus tornerà negli Stati Uniti, ma sappiamo che lo farà”, ha dichiarato alla testata Sonja Olsen, epidemiologa dei Centers for Disease Control and Prevention americani.

Gli esperti non hanno certezze sul destino della malattia stagionale e oscillano tra preoccupazioni e ipotesi ottimistiche. Il Nyt scrive: “Nei prossimi mesi - mentre milioni di persone torneranno sui mezzi pubblici, nei ristoranti, nelle scuole e negli uffici - i focolai di influenza potrebbero essere più diffusi del normale, o potrebbero verificarsi in periodi insoliti dell’anno. Ma è anche possibile che, riemergendo, il virus influenzale possa rivelarsi meno pericoloso, non avendo avuto l’opportunità di mutare ed evolversi durante questa pausa”.

Richard Webby, virologo presso il St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis interpellato dal giornale americano, sottolinea: “Siamo in un territorio inesplorato. Non abbiamo mai avuto una stagione influenzale dai numeri tanto bassi. Non è chiaro quali potrebbero essere le potenziali...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.