Italia markets open in 4 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.641,13
    -181,16 (-0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    26.311,18
    -344,97 (-1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    645,64
    -31,26 (-4,62%)
     
  • HANG SENG

    29.597,46
    -561,55 (-1,86%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Locatelli: “Per fine gennaio inizieremo vaccinazioni con Pfizer”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 nov. (askanews) - "C'è grande attesa per i vaccini, di cui uno sembrerebbe addirittura conferire immunità sterilizzante: cioè impedire il contagio", dice il professor Franco Locatelli (presidente del Consiglio superiore di sanità) parlando del vaccino Pfizer Biontech relativi alla fase pre-clinica sui modelli animali, in un'intervista al Fatto Quotidiano. "Per fine gennaio in Italia, incrociando le dita rispetto alle approvazioni di Fda ed Ema - le agenzie del farmaco americana ed europea - inizieremo la campagna d'immunizzazione con il vaccino di Pfizer".

"È falsa la notizia che non si stia lavorando alla campagna vaccinale. Già da tempo ci stiamo occupando di distribuzione e pianificazione, tenendo conto delle peculiarità dei vari vaccini in preparazione soprattutto rispetto alla catena del freddo, perché quello della Pfizer che sarà il primo ad arrivare necessita di una conservazione a -70 gradi, richiedendo quindi un sistema di distribuzione particolare e più impegnativo".

Prima verranno vaccinati "gli operatori sanitari e sotto-sanitari, per proteggere loro stessi e i pazienti: 800 mila persone. Poi gli anziani delle Rsa e gli over 80: quattro milioni e mezzo di persone, di cui circa 300 mila nei presidi residenziali". "Si vede la luce, ma deve essere una luce che illumina le intelligenze e le coscienze per evitare di ricascarci", aggiunge Locatelli. "I numeri sono confortanti, ma guai a dimenticare cosa è successo la scorsa primavera e poi un mese e mezzo fa".

"Per la prima e spero unica volta dovremo dimenticarci di feste in piazza, veglioni, cenoni con parenti e amici. Altrimenti tratre, quattro settimane pagheremo un altro prezzo altissimo perdendo quanto guadagnato".