Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.109,26
    +548,11 (+2,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0119 (+0,77%)
     

Locatelli: "Scuola ha ruolo marginale sui contagi. Sci? Riaperture incompatibili con i dati"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Franco Locatelli (Photo: ANSA)
Franco Locatelli (Photo: ANSA)

“La scuola anche nelle ultime analisi fatte si conferma contribuire in maniera assolutamente marginale alla curva di trasmissione di SarsCov2. La potenzialità di infettare sopra 10 anni è come negli adulti, mentre sotto i 10 anni è minore ma non assente. Lo ha detto Franco Locatelli durante la conferenza stampa al ministero della Salute. In riferimento al dibattito che sta crescendo negli ultimi giorni sull’apertura degli impianti sciistici ha affermato: “Nessuno sottovaluta l’impatto di una chiusura delle attività sciistiche però i numeri attuali non rendono compatibile una ipotesi di riapertura perché vorrebbe dire esporre tutto il paese a una ripresa della curva epidemica e avere una concertazione europea è assolutamente fondamentale”. E ancora: “Credo che ci sarà ancora un numero
di morti di questa grandezza ancora per 10-14 giorni, poi dovremmo vedere un calo. È difficile commentare il Natale o la riapertura degli impianti sciistici pensando al numero dei decessi.

L’attenzione deve ancora essere altissima perché il virus circola ancora e i dati dei decessi ci indicano quanto sia pericoloso, ma ci sono dei segnali che possono infondere fiducia: “Oggi la percentuale di positivi è scesa di più di tre punti percentuali rispetto alla settimana precedente, questo è un dato importante”, ha detto Locatelli. Nei prossimi mesi arriverà il vaccino che ci aiuterà nella lotta al Covid, sul tema il professore dice: ”È falso che il paese non si stia organizzando per la vaccinazione anti Covid, niente di più falso. Al contrario si sta lavorando in maniera intensiva su come sviluppare il piano per la vaccinazione anti convid nel minore tempo possibile. Lo sforzo lo stiamo facendo per creare la strategia per uscire dalla pandemia. Ci sarà poi bisogno di uno stretto rapporto tr...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.