Italia markets open in 1 hour 56 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    28.041,36
    +593,35 (+2,16%)
     
  • EUR/USD

    1,2090
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    40.753,47
    -1.452,41 (-3,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.354,74
    -33,17 (-2,39%)
     
  • HANG SENG

    27.981,51
    +262,84 (+0,95%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Lombardia, Azione: commissione Sanità non ai comodi di Moratti

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 20 apr. (askanews) - "Domani in commissione Sanità al Pirellone non ci sarò perché il limite di sopportazione è stato ampiamente superato. Per protesta non sarò presente perché non voglio prestarmi ai comodi della vice presidente di Regione Lombardia che, da quando è arrivata, si interfaccia con il Consiglio solo quando vuole". Lo ha annunciato in una nota il consigliere regionale lombardo di Azione, Niccolò Carretta, che non parteciperà domani ai lavori della commissione Sanità perché la vice presidente Moratti, che sarebbe dovuta essere ascoltata, non sarà in aula perché impegnata con la commissione Salute delle Regioni.

Come opposizioni, ha attaccato Carretta, "abbiamo accettato rinvii, lentezza e imprecisioni sui dati; ci siamo accontentati, per settimane, di ascoltare il Dg Pavesi al posto dell'assessore al Welfare. Ma dopo l'ennesimo diniego a relazionare sulla situazione attuale non posso che denunciare questa oscena depoliticizzazione di una commissione che dovrebbe monitorare l'andamento della gestione dell'emergenza e l'efficacia delle scelte politiche che vengono prese".

La commissione, ha aggiunto Carretta, "sono istituzioni al servizio dei cittadini lombardi e non possono essere strumento di propaganda della maggioranza. Una propaganda, peraltro, volta solamente a nascondere le inefficienze e le difficoltà della gestione sanitaria guidata dal centrodestra. Se la priorità sanitaria è il Covid, è di Covid che dovremmo parlare", ha concluso.