Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.640,90
    +44,56 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    10.983,53
    -31,36 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    27.686,40
    -199,47 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0525
    +0,0056 (+0,54%)
     
  • BTC-EUR

    15.979,83
    -265,44 (-1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,84
    -7,19 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    18.814,82
    -626,36 (-3,22%)
     
  • S&P 500

    3.940,15
    -1,11 (-0,03%)
     

L'oro non funziona più come bene rifugio: ecco perché

(Adnkronos) - L’oro è da sempre considerato il bene rifugio per eccellenza, insieme al dollaro, allo yen, al franco svizzero o al Bund tedesco, ma oggi sta perdendo parte del suo grande valore. Dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, l’oro è schizzato sopra i 2mila dollari l’oncia con una reazione tipica da scenario risk off, riavvicinando i suoi massimi storici toccati nel pieno della pandemia da Covid-19.

Nelle fasi di recessione economica e di forte instabilità dei prezzi la domanda di beni rifugio aumenta proprio per rispondere alle esigenze di protezione. Tra tutti i beni rifugio, l’oro è quello considerato più sicuro.

Ma, come spiega Money.it, nonostante il contesto che viviamo l’oro denominato in dollari è crollato di oltre il 20%. E negli ultimi mesi il ruolo dell’oro come bene rifugio è stato messo in discussione perché da un lato i titoli di stato americani sono più remunerativi e dall’altro perché l’oro è denominato in dollari e questo fa sì che il suo acquisto sia diventato sempre più costoso.

In particolare l’ultimo aumento di tre quarti di punto percentuale ha portato a una crescita del 16% del valore del dollaro Usa, influenzando il mercato: una valuta più forte rende più costoso l'acquisto per gli investitori stranieri, europei e asiatici, e di conseguenza può ridurre la domanda, spingendo al ribasso i prezzi.