Italia Markets closed

Lusetti (Alleanza cooperative): "linee Gualtieri ci convincono, disponibili a confronto"

webinfo@adnkronos.com

Le linee generali illustrate dal neo ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri convincono l'Alleanza delle cooperative italiane che si dice già da ora disponibile ad un confronto con il nuovo esecutivo per discutere dei provvedimenti concreti che il governo intende mettere in campo. Ad affermarlo all'Adnkronos è Mauro Lusetti, il presidente dell’Alleanza delle cooperative italiane commentando le linee programmatiche del neo ministro che prevedono, in particolare, lo stop alla 'Flat tax', il mantenimento di 'Quota 100' fino alla scadenza triennale e il blocco all'aumento dell'Iva nonché un nuovo approccio nei rapporti con l'Europa. 

"Nelle linee di indirizzo del ministro Gualtieri - sottolinea Lusetti - ci sono cose che mi convincono molto e in particolare l'atteggiamento nei confronti dell'Ue di rispetto delle regole da un verso senza essere supino dall'altro". Dalle parole del nuovo titolare del dicastero di Via XX Settembre, rileva il presidente dell'Alleanza delle cooperative italiane, "emerge anche la volontà di dare un contributo a cambiare le regole che non rispondono alla necessità di politiche espansive e della lotta alle disuguaglianze. Questo approccio di Gualtieri mi sembra coerente con l'importanza del ruolo dell'Italia nel contesto europeo". 

E i primi segnali positivi di questo cambiamento di atteggiamento nei confronti dell'Ue si sono riscontrati anche sui mercati. "Lo abbiamo visto con il calo dello spread" tra btp italiani e bund tedeschi. "L'atteggiamento del nuovo governo è stato già riconosciuto dal mercato e questo pagherà anche nella gestione delle vicende legate alla politiche di bilancio", aggiunge Lusetti. 

Poi, rileva il presidente dell'Alleanza delle cooperative italiane, "la seconda cosa che mi convince è l'idea delle politiche economiche di Gualtieri che corrispondono molto alle nostre sensibilità: sostenibilità, green economy, crescita sbloccando gli investimenti, scongiuramento dell'aumento dell'Iva che deve scattare a gennaio del 2020, riduzione delle tasse sul lavoro a favore dei lavoratori. Questioni che a noi stanno a cuore e che avevamo già evocate durante gli incontri a Palazzo Chigi di luglio e di agosto. Questioni, queste, che ora ritroviamo, insieme ad altre, nelle linee generali illustrate dal ministro". 

Alleanza delle cooperative guarda con favore anche all'archiviazione della 'flat tax' voluta dalla Lega nel primo governo Conte. "Lo abbiamo sempre detto, anche durante i nostri incontri con il Governo precedente a luglio e ad agosto, che la priorità assoluta era la riduzione delle tasse sul lavoro insieme al tema della progressività prevista dalla Costituzione e anche nel rispetto dell'equità sociale". Ora, aggiunge Lusetti, "ribadiamo la nostra disponibilità a confrontarci con il Governo. Da parte nostra c'è la massima disponibilità ad entrare nel merito dei provvedimenti che l'esecutivo intenderà mettere in campo in vista e per quanto riguarda l'elaborazione della Legge finanziaria in difficile contesto economico". 

E proprio per quanto riguarda il contesto economico, Lusetti guarda con favore alle decisioni assunte ieri dal presidente della Bce, Mario Draghi. "Di fronte alle difficoltà che si registrano a livello internazionale sul versante economico legato alla guerra dei dazi tra gli Stati Uniti e la Cina e alla situazione tedesca che pesa sull'Europa e sull'Italia, Draghi ha, come in passato, intuito e capito molto bene questa situazione", sottolinea il presidente di Alleanza delle cooperative italiane.