Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.841,98
    -261,74 (-1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Lusso, Altagamma: 2022 record, mercato globale crescerà del 21%

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 15 nov. (askanews) - Anno record per il comparto dell'alto di gamma a livello mondiale che ha superato con decisione i livelli pre-Covid. Nonostante le turbolenze economiche, nel 2022 il mercato luxury globale crescerà del 21%, sfiorando quota 1.400 miliardi di euro mentre si stima per i beni di lusso personali un +22%, con 353 miliardi. Lo scenario si prospetta positivo anche per il 2023, quando la marginalità delle imprese del settore si prevede in crescita del 6%. E' quanto emerge dall'Altagamma Consensus 2023 e dall'Altagamma-Bain Worldwide Luxury Market Monitor, presentato durante il 21esimo Osservatorio Altagamma.

Questi risultati si inquadrano all'interno di un percorso che si prevede di crescita anche nel lungo termine: nel 2030 il valore di mercato dei personal luxury goods dovrebbe salire a circa 540-580 miliardi, un aumento del 60% o più rispetto al 2022.

"L'alto di gamma, dopo il forte rimbalzo successivo allo scoppio della pandemia, ha completato il percorso di ripresa, registrando nel 2022 il record storico con un +21% a livello mondiale", ha dichiarato Matteo Lunelli, presidente di Altagamma. "In questo scenario i marchi italiani continuano ad eccellere, malgrado un contesto congiunturale caratterizzato da una forte incertezza e da numerose sfide. Come ha recentemente dichiarato il Ministro Urso, oggi presente all'Osservatorio Altagamma, dobbiamo non solo proteggere, ma fare crescere i nostri Campioni Nazionali e le filiere produttive di eccellenza che sono un fattore propulsivo per interi settori. L'alto di gamma può essere, in ultima analisi, una locomotiva per l'economia italiana". Milano, 15 nov. (askanews) - L'Altagamma Consensus 2023 prevede per l'Europa una crescita del 5%, grazie all'aumento dei viaggi internazionali (soprattutto dagli Usa, grazie al cambio euro-dollaro favorevole, ma anche dai Paesi Arabi) che compenseranno la più debole domanda interna. Anche per gli Stati Uniti si prevede una crescita del 5%. In crescita anche America Latina e Giappone (+6%) grazie allo sviluppo, al di là delle capitali, di città importanti trainate dallo sviluppo immobiliare. Cina e Asia sono più difficili da stimare: in particolare in Cina le politiche sul lockdown per il contenimento del Covid-19 potrebbero portare effetti imprevisti. Il mercato dovrebbe comunque beneficiare di un'apertura e grazie all'effetto di rebound i consumi potrebbero crescere del 9%. La Cina sul lungo periodo resta il più grande mercato del lusso, trainato dalla prosperità della classe media, dalle nuove generazioni e dallo sviluppo di nuovi poli. Per il Middle East si prevede un +7%, con aree come gli Emirati Arabi (ma anche la Turchia) che - non avendo imposto sanzioni - si stanno avvantaggiando dei consumi dei russi.

I consumatori cinesi saranno i best performer nel 2023 con un +10%. L'effetto rebound dei consumi beneficerà i consumatori asiatici in generale, che vedranno un incremento dell'8%. Meno brillanti saranno invece i consumi dei giapponesi (+5%). Si attesteranno a +5% i consumi degli americani. Cauto lo spending europeo, che si attesta sul +4%: l'aumento dell'inflazione e dei costi inciderà notevolmente sui consumi, in particolare di beni di lusso.

Tutte le categorie vedranno un aumento delle vendite non solo grazie ad un aumento dei prezzi, ma anche ad un aumento dei volumi. Si riconferma la leadership degli accessori che continuano nel loro trend positivo: +8,5% per la pelletteria e +7% per le calzature. L'abbigliamento (+6%) e la cosmesi (+5,5%) confermano il tasso di crescita del 2022. L'hard luxury prosegue il suo trend positivo, in particolare nella gioielleria con un +8%. Più bassa la crescita degli orologi che segnano un +5% e proseguono nel rafforzare il "fatto a mano" o la ricerca del pezzo unico.

Per il retail digitale si prevede una crescita del 8%, in espansione dunque, ma più moderata rispetto agli anni precedenti segnati dal boom dell'online per la pandemia. I negozi fisici segnano un +7% e continuano ad essere rilevanti per il comparto grazie ad approcci sempre più personalizzati e phygital che migliorano il coinvolgimento del consumatore. Il wholesale fisico resta fragile con un +3,5%, mentre dopo le crescite a doppia cifra degli anni passati il wholesale digitale assisterà ad una normalizzazione del canale con un +5,5%. Milano, 15 nov. (askanews) - Secondo l'Altagamma-Bain Worldwide Luxury Market Monitor 2022, realizzato da Bain & Company, l'esito finale per quest'anno dipenderà in gran parte dalla revoca delle restrizioni legate alla pandemia in Cina, dall'evoluzione della fiducia dei consumatori di lusso europei e americani di fronte all'aumento l'inflazione e alle pressioni sul costo della vita e dalla potenziale recessione nelle economie degli Stati Uniti e dell'Europa. Nonostante le sfide economiche continue, nel 2022 il mercato luxury ha comunque generato una crescita positiva per il 95% dei marchi, con Usa, Europa e Asia (esclusa la Cina) che si confermano in testa alla crescita.

La "Gen Y" e la "Gen Z" hanno rappresentato l'intera crescita del mercato nel 2022. Al 2030, la spesa della "Gen Z" e della "Gen Alpha" è destinata a crescere circa tre volte più velocemente rispetto alle altre generazioni , fino a costituire un terzo del mercato, in virtù di un'attitudine più precoce di questi consumatori verso il lusso.